Conad/Auchan. A ciascuno il suo

Per chi come me si è sempre occupato di piani di ristrutturazione e riorganizzazione non era e non è difficile leggere, tra le righe, l’evolversi del decorso accidentato della vicenda Conad/Auchan. A volte ho dovuto necessariamente essere criptico in alcuni passaggi. E di questo me ne scuso con chi ha avuto la pazienza di seguirmi in questi lunghi mesi che hanno caratterizzato questa prima fase.

L’ho fatto per la stima personale che nutro verso alcuni protagonisti che mi hanno trattenuto da giudizi severi e definitivi in alcuni passaggi delicati del negoziato.  Come mi sono trattenuto dal riprendere amichevolmente coloro che pur non avendo mai partecipato ad un negoziato sindacale e quindi non capendoci nulla delle dinamiche collegate si sono improvvisati esperti. Mi ricordano la tenerezza che mi facevano  i commenti dei colleghi commerciali in azienda nel pieno di vertenze al calor bianco.

Ovviamente la strada è ancora lunga come in tutti i processi di M&A ma il percorso, dal closing all’accordo sindacale, ha rappresentato indubbiamente la prima tappa. Diversi soggetti vi hanno interagito a vario titolo a cominciare dalle due parti principali: Conad e il suo universo collegato e l’eterogenea compagine di sigle sindacali comprendendo e non sottovalutando anche il ruolo esercitato da Manageritalia e da UGL.

A far da corollario, il ruolo incerto della comunicazione, i media nazionali e di settore, la rete in senso lato con i suoi personaggi anonimi, le gole profonde e, infine, alcuni cacicchi sindacali locali che non hanno mancato di aggiungere confusione alla vicenda passando informazioni approssimative ad alcuni organi di stampa. Innanzitutto va contestualizzato lo scenario nel quale è maturata l’operazione. Leggi tutto “Conad/Auchan. A ciascuno il suo”

Occorre contrastare il virus senza distruggere il sistema produttivo di Mario Gasbarrino

Una delle prime polemiche che hanno accompagnato la fase iniziale   della pandemia è stata : si muore “per” o “con” il Coronavirus? C’è voluto un po’ di tempo per capire quanto la domanda fosse irrilevante nella lotta contro lapandemia. Ancora oggi numeri e percentuali rischiano di non dimostrare nulla. La contabilità sia sui contagiati che sui decessi è completamente inattendibile. Così come i confronti internazionali.  

 L’unico messaggio certo che viene veicolato è di stare in casa e di evitare i contatti umani. Assolutamente giusto se proposto alle persone singole. Meno se tiene quelli che  devono decidere immobili e fermi al palo. Perché un dato  è ineludibile.

Fino a quando possiamo resistere senza raggiungere il punto di non ritorno che potrebbe compromettere irreparabilmente e irresponsabilmente   il nostro futuro?

Tutti convergono sulla necessità di prendere atto che questa crisi durerà a lungo. Non c’è picco che tenga e nemmeno un’ora “X” raggiunta la quale tutto potrà ritornare come prima. Non c’è la famosa nottata che deve passare. Ci vorranno anni. Inutile fare previsioni azzardate.

Tutti i dati confermano che il Corona è un Virus Democratico nella sua diffusione, perche’colpisce tutti, ma non nei suoi effetti letali, che sono concentrati principalmente, ma non esclusivamente, sopra una certa soglia di età. Leggi tutto “Occorre contrastare il virus senza distruggere il sistema produttivo di Mario Gasbarrino”

Conad/Auchan. La Margherita e i petali terminati….

Firmo o non firmo. La vicenda Conad/Auchan sul versante sindacale è arrivata così al suo epilogo naturale. L’accordo in sede ministeriale è stato firmato da tutte e tre le sigle sindacali. In questo modo l’intera operazione di gestione degli esuberi è incardinata in un’intesa complessiva.

Il ministero ha giocato un ruolo importante ammortizzando l’eterna ritrosia al momento della firma che colpisce sempre una delle tre organizzazioni di categoria del sindacato confederale. Era successo, non molto tempo fa, al momento della sigla del primo accordo aziendale alla LIDL. Lì però la Filcams, alla fine,  non firmò.

Resta dunque da chiudere il negoziato in  sede sindacale.

Ha ragione Vincenzo Dell’Orefice segretario della Fisascat cisl a ritenere quella sede molto importante. Lì si decide la qualità della gestione. Se la procedura definisce i numeri complessivi, la sede sindacale definisce le modalità, i controlli, le verifiche. Il ruolo e il peso del sindacato nella gestione. 
Leggi tutto “Conad/Auchan. La Margherita e i petali terminati….”

Fondi pensione, parti sociali possono diventare protagonisti al tempo del Coronavirus. di Francesco Rivolta****

Davvero noi rischiamo al termine di questo dramma di trovarci nel mezzo di un deserto, costretti a contare devastanti danni al sistema produttivo, alle reti commerciali, alle categorie professionali.
Si è fermato il motore economico del Paese, rischiano di acuirsi le tensioni sociali, i mali antichi della nostra società pesano ora più che mai come macigni e rischiano di rendere ancora più arduo il cammino verso la difficile ripresa.

Le parti sociali stanno con forza chiedendo al Governo ed al Parlamento provvedimenti eccezionali per mettere al riparo il nostro tessuto economico e produttivo altrimenti destinato a dissolversi.
Da più parti viene indicata l’unica terapia possibile: immettere liquidità nel sistema per consentire di scavallare con meno perdite possibili gli effetti della pandemia.

Leggi tutto “Fondi pensione, parti sociali possono diventare protagonisti al tempo del Coronavirus. di Francesco Rivolta****”

Non conosciamo mai la nostra altezza di Emily Dickinson

Non conosciamo mai la nostra altezza

Finché non siamo chiamati ad alzarci. 

E se siamo fedeli al nostro compito

Arriva al cielo la nostra statura. 

L’eroismo che allora recitiamo 

Sarebbe quotidiano, se noi stessi 

Non c’incurvassimo di cubiti 

Per la paura di essere dei re

Coronavirus. Bisogna pensare al dopo. E occorre farlo ora. Di Mario Gasbarrino****

Di questi tempi, dove tutti sono concentrati sulla pandemia provocata dal coronavirus, è normale che l’attenzione generale sia dedicata a fermare il contagio.  Così come è altrettanto scontato che temi quali la tenuta del sistema sanitario del nostro Paese, il sacrificio di coloro i quali sono impegnati in prima linea, la necessità di rispettare l’isolamento delle persone e quindi la chiusura di tutte le attività non essenziali vengano vissute come prioritarie su qualsiasi altro ragionamento.

Il futuro, il dopo, il cosa ci sarà dietro l’angolo sembrano questioni  prive di significato. Ma lo sono davvero? Il nostro Paese, tutti noi, possiamo permetterci di non avere una visione di insieme che consideri contemporaneamente quello che dobbiamo fare oggi ma cercando contemporaneamente di capire cosa possiamo fare per non compromettere il nostro domani?

Leggi tutto “Coronavirus. Bisogna pensare al dopo. E occorre farlo ora. Di Mario Gasbarrino****”

La grande distribuzione non può reggere da sola il virus del panico sociale

 

Il Coronavirus costringe a scelte drammatiche. Stare chiusi in casa per evitare l’espandersi del contagio è fondamentale. Ma, a mio modesto parere,  sarebbe altrettanto fondamentale tenere accesa la macchina produttiva. Ieri un  sindacalista ha affermato che fatica a pensare che acque minerali o merendine siano così imprescindibili per una dozzina di giorni. Ecco forse qui sta il punto.

Saper distinguere ciò che è tutela della sicurezza dei lavoratori sul luogo di lavoro da ciò che, se non valutato in maniera scevra da pregiudizi, può contribuire a provocare molti più danni di quelli che intende evitare.

Innanzitutto il metodo. Al Governo e ai sindacati è stato affidato il compito di decidere cosa è essenziale e cosa non lo è. Non cosa è essenziale in termini di sicurezza dei lavoratori. E questo è stato un errore. Nessuno credo contesti che la salute e la sicurezza vengano prima del lavoro, dell’impresa  e del reddito ma separare gli aspetti del problema stabilendone una loro incompatibilità a prescindere potrebbe essere una decisione che saremo destinati a pagare molto caro tra non molto.

Leggi tutto “La grande distribuzione non può reggere da sola il virus del panico sociale”

L’unica via è più debito. Ma sul come farlo, corre (e correrà) la differenza tra il successo e il baratro di Luigi Marattin

Shock di offerta e/o shock di domanda? Entrambe, ma abbiamo anche capito che questa pandemia è qualcosa di più: il rischio di perdere permanentemente un pezzo della capacità produttiva del paese. Una cosa dalla quale non ti riprendi per decenni. Va evitato a tutti i costi. 

Sul come farlo, lo ha già detto meglio di tutti Draghi: il debito pubblico deve funzionare da gigantesco ammortizzatore sociale, tenendo in vita la capacità delle imprese di produrre e delle famiglie di consumare finché non saranno in grado di riprendere da sole. 

In Europa ci sono due modalità per gestire questa prossima fase di giganteschi aumenti di debito pubblico: 1) ognuno per conto suo 2) insieme. 

Leggi tutto “L’unica via è più debito. Ma sul come farlo, corre (e correrà) la differenza tra il successo e il baratro di Luigi Marattin”

Conad/Auchan. Ogni frutto ha la sua stagione…

E finalmente l’accordo sindacale è praticamente arrivato. A dieci mesi circa dal closing i  “porcospini” presenti in entrambe le parti hanno trovato il modo di gestire i reciproci aculei ed avvicinarsi costruendo le premesse per l’unica intesa possibile in una situazione veramente complessa e certamente non semplificata dal contesto esterno.

Non l’hanno ancora firmato tutti e tre i sindacati confederali ma questo credo fosse inevitabile. È un passaggio importante per il futuro della nuova Conad. In un angolo sono così finalmente finiti quelli che l’accordo non l’hanno mai né voluto né cercato. Chi trattenuto dalla nostalgia di ciò che ha rappresentato sul piano personale e umano la propria storia sindacale in Auchan chi, probabilmente,  alla ricerca di visibilità personale.

Per chi come me ha seguito questa vicenda  con passione professionale e personale questa  conclusione era necessaria da tempo nell’interesse del futuro di questa importante realtà economica ma anche dei lavoratori molti dei quali si sarebbero trovati in una situazione di non ritorno.

L’accordo non è un colpo di mano antiunitario. Forse c’era chi sperava che la responsabilità della mediazione se la prendesse qualcun altro; il MISE o il Ministero del lavoro. Non enfatizzo nemmeno  il contesto esterno con la GDO nel bel mezzo di una situazione che potrebbe riservare amare sorprese se la vicenda del Coronavirus dovesse protrarsi. Leggi tutto “Conad/Auchan. Ogni frutto ha la sua stagione…”

La Grande Distribuzione ai tempi del Coronavirus…

I nodi purtroppo stanno venendo al pettine. La Grande Distribuzione ha retto il primo impatto  del Coronavirus solo grazie alla sua “fanteria”. Logistica e soprattutto il personale di filale hanno  tenuto come e quanto hanno potuto. Organici all’osso, malattie ordinarie e straordinarie del personale, turnazioni saltate, paure per sé e per i propri cari, protezioni da progettare, consumatori disorientati dalla scarsità di certezze stanno creando una situazione di pesantissima difficoltà interna in una situazione straordinaria  di crisi e disorientamento generale che riguarda  più o meno tutte le insegne soprattutto nelle zone più critiche. E non è finita qui.

Il contesto è feroce. Da un lato c’è il dramma delle imprese chiuse. Forse non ce ne rendiamo ancora conto ma, prima o poi, scopriremo che un significativo  numero di quelle imprese rischiano concretamente di fallire durante questo periodo. Non è un problema di incentivi o di sostegno al reddito dei lavoratori. Nessuna azienda può restare per 3/4 mesi in questa situazione.

Dall’altro la virulenza del Coronavirus non lascia alternative. Chiudere tutto è l’unica ricetta possibile. In mezzo c’è la Grande Distribuzione insieme agli ospedali e ai servizi essenziali. Innanzitutto, come ho già scritto, è necessario dare merito alla “fanteria”. Cassiere, banconisti, addetti al caricamento, capi reparto direttori e su spesso fino ai capi area, si sono trovati in trincea a reggere l’urto necessariamente disordinato e imprevedibile dei consumatori.

La GDO, e questo va riconosciuto a tutte le insegne, ha evitato il panico sociale, ha garantito i rifornimenti sui lineari, ha supportato lo sforzo nella fase iniziale impedendo il caos. La maggior parte delle insegne hanno fatto quello che hanno potuto ma adesso il gioco comincia a complicarsi nei tempi e nelle modalità e fa così emergere i limiti di un comparto che fatica nel suo complesso a darsi una visione e un’autorevolezza complessiva con le istituzioni nazionali comprensibilmente impegnate su  problematiche molto complesse. Soprattutto a farlo con la rapidità necessaria.
Leggi tutto “La Grande Distribuzione ai tempi del Coronavirus…”