Decreto semplificazioni e sviluppo – Semplificazioni in materia di lavoro

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Pubblicato, nel Supplemento ordinario n. 27  alla Gazzetta Ufficiale n. 33 del 9 febbraio c.a., il Decreto Legge n. 5 del 9 febbraio 2012 recante “Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo”. 

Riportiamo, di seguito, le disposizioni riguardanti la materia del lavoro:
  
articolo 15: Astensione anticipata dal lavoro delle lavoratrici in gravidanza
Sono state apportate modifiche all’ articolo 17 del D.Lgs. n. 151/2001, a seguito delle quali, con decorrenza 1° aprile 2012, l’astensione dal lavoro a seguito di gravi complicanze della gravidanza è disposta, non più dal servizio ispettivo del Ministero del lavoro, bensì dalla Asl.
Mentre, l’astensione dal lavoro a causa delle pregiudizievoli condizioni di lavoro o ambientali e quando la lavoratrice non possa essere adibita ad altre mansioni, è disposta dalla Direzione territoriale del lavoro, su istanza della lavoratrice o d’ufficio quando, dall’attività di vigilanza emerga l’esistenza delle condizioni che richiedono detta astensione.
 
articolo 17:Semplificazione in materia di assunzione di lavoratori extra UE
Il primo comma stabilisce che la comunicazione che il datore di lavoro deve inviare alla sezione circoscrizionale per l’impiego (contenente il nominativo del lavoratore assunto, la data dell’assunzione, la tipologia contrattuale, la qualifica ed il trattamento, economico e normativo) il giorno antecedente all’assunzione assolve tutti gli obblighi di comunicazione della stipula del contratto di soggiorno per lavoro subordinato concluso direttamente tra le parti per l’assunzione di lavoratore in possesso di permesso di soggiorno, in corso di validità, che abiliti allo svolgimento di attività di lavoro subordinato.
 
articolo 18: Semplificazione in materia di collocamento obbligatorio
Il terzo comma ha semplificato la procedura di comunicazione in capo al datore di lavoro, nelle ipotesi di sospensione degli obblighi di avviamento al lavoro dei soggetti disabili.
Conseguentemente, nelle ipotesi in cui l’azienda abbia sedi ubicate in diversi territori, l’obbligo di effettuare tale comunicazione solo al Ministero del Lavoro e non più ad ogni singola DTL, competente territorialmente.
 
articolo 19: Semplificazione in materia di libro unico del lavoro
Tale articolo precisa che la nozione di “ omessa registrazione” si riferisce alle scritture complessivamente omesse e non a ciascun singolo dato di cui manchi la registrazione, mentre quella di “ infedele registrazione” si riferisce alle scritturazioni dei dati diverse rispetto alla qualità o quantità della prestazione lavorativa effettivamente resa o alle somme effettivamente erogate.
 
articolo 21: Responsabilità solidale negli appalti
Cambia la responsabilità solidale negli appalti, con la sostituzione del comma 2 dell’articolo 29 del D. lgs. n. 276/2003. Viene ora previsto che In caso di appalto di opere o di servizi, il committente imprenditore o datore di lavoro è obbligato in solido con l’appaltatore, nonché con ciascuno degli eventuali subappaltatori entro due anni dalla cessazione dell’appalto, a corrispondere ai lavoratori i trattamenti retributivi, comprese le quote di trattamento di fine rapporto, nonché i contributi previdenziali ed i premi assicurativi dovuti in relazione al periodo di esecuzione del contratto di appalto.
Resta escluso qualsiasi obbligo per le sanzioni civili, di cui risponde solo il responsabile dell’inadempimento.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *