Le difficoltà di rinnovamento del sindacalismo confederale

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Oggi Ferruccio De Bortoli rilancia un tema quanto mai attuale sulla necessità di un rinnovato ruolo dei corpi intermedi con un focus sul sindacalismo confederale ( http://bit.ly/2DDtC10 ). Indubbiamente ha ragione. Il peso specifico nelle imprese e nella società è ai minimi storici e non certo per responsabilità della politica.

Tutte le indagini sul campo sono lì a dimostrare che c’è una crisi di strategia ma anche di credibilità complessiva. Non mancano però gli esempi virtuosi come ammette lo stesso De Bortoli che sembrerebbero indicare una via percorribile, innovativa e in grado di riportare entusiasmo, convinzione e determinazione elementi indispensabili per percorrere strade nuove.

Caratteristiche queste ben presenti in alcune categorie della CISL e della UIL ma anche della stessa CGIL. Non c’è solo la FIM CISL che è sotto i riflettori costantemente per il dinamismo del suo segretario generale Marco Bentivogli. Ci sono segnali importanti anche nei chimici, nello stesso sindacato agroindustriale e in altri comparti che conosco meno a che però sono lì a dimostrare che c’è una ripresa positiva di ruolo e di interesse nei confronti del sindacalismo confederale. Lo dimostrano la qualità degli accordi sottoscritti che resta una delle modalità più concrete per valutare la qualità  dei gruppi dirigenti.

Certo c’è ancora un affanno strategico nelle confederazioni. Un po’ perché l’elezione di Maurizio Landini è appena avvenuta e, per ora, non ha prodotto alcun effetto misurabile sulle politiche confederali unitarie. La CISL e la UIL avrebbero parecchie carte da giocare sul terreno dell’innovazione sociale ma, per il momento, non sembrano interessate ad imporre alcuna accelerazione nel confronto con la CGIL. Leggi tutto “Le difficoltà di rinnovamento del sindacalismo confederale”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Grande Distribuzione. Il declino di un’epoca…

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

C’è un destino che, purtroppo, le accumuna. UPIM, Standa, Rinascente, Sma, GS, All’Onestà hanno costituito per certi versi la spina dorsale del consumismo popolare post bellico. L’agonia è durata quello che poteva durare. Un declino inevitabile da cui si sono salvati in pochi.

Oggi solo UPIM, qualche ex GS, grazie ad un management che nel tempo gli ha cambiato i connotati e Rinascente grazie a all’ubicazione principale  in piazza Duomo a Milano e all’intuizione che l’ha trasformata in un contenitore di alto livello per grandi marche. Ma nulla a che vedere con l’identità di perimetro.

Per le altre non sono serviti i continui passaggi di mano, i piani di ristrutturazione infiniti, i tagli dei costi, gli interventi sulla quantità e qualità del personale. Non dimentichiamo che la cassa integrazione, concepita inizialmente  per l’industria, entra nel commercio e nel terziario attraverso le vicende che hanno coinvolto, a suo tempo, Standa. Certo, numerose catene e punti vendita, piccoli o grandi, sono stati ceduti e hanno ritrovato la loro ragion d’essere sotto altre insegne. Per queste, no. Un male oscuro sembra averne contraddistinto il declino.

Adesso tocca a SMA. Troppo piccola e diffusa territorialmente per costituire un ponte di rilancio alla presenza di Auchan nei negozi di vicinato, peraltro già in pesante crisi su altri formati, troppo complessa sul piano gestionale, logistico e organizzativo per interessare, nella sua interezza un unico soggetto, priva di un’identità specifica spendibile sul mercato. Leggi tutto “Grande Distribuzione. Il declino di un’epoca…”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Amazon vs. Walmart. Uno scontro che cambierà in profondità il mondo del retail..

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Mentre il mondo del retail sta cambiando in profondità abitudini e modelli di consumo anche grazie alle potenzialità offerte dalla trasformazione digitale noi continuiamo imperterriti a farci del male. Le provocazioni sulle chiusure domenicali sono lì a dimostrare che non riusciamo a capire che un intero sistema economico è attraversato da un profondo ripensamento strategico che avrà delle conseguenze pesanti sulla qualità e sulla modalità dei consumi, sulla sopravvivenza o meno delle nostre imprese e quindi sull’occupazione.

Alzare lo sguardo oltre il cortile di casa, evitare le zuffe sul nulla, riflettere su cosa serve per accompagnare questi processi epocali sarebbe la scelta migliore. Per fare questo è indispensabile ragionare sulle strategie possibili delle imprese che, forse più di altre, possono investire ingenti risorse, commettere errori e ripartire e  indicare strade da percorrere a tutto il mondo del retail.

Trasferirci negli USA può essere molto utile per riportare la discussione sui problemi veri. Da qualche tempo, infatti, lì è entrato nel vivo un confronto senza esclusione di colpi. 

In campo il campione indiscusso del retail, Walmart contro l’ultimo arrivato, l’imbucato venuto da fuori, dai sobborghi della filiera, Amazon, che ha deciso di insidiarne il regno. Quello che si sta consumando negli USA è uno scontro che presto sarà planetario e che lascerà sul campo morti e feriti, ovunque. Alla fine, nulla sarà più come prima. Leggi tutto “Amazon vs. Walmart. Uno scontro che cambierà in profondità il mondo del retail..”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Grande Distribuzione francese. L’altra faccia del totalismo aziendale.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Solo su LinkedIn ben oltre le 30.000 visualizzazioni. Interventi, domande  e consigli di lettura tra blog, Twitter e lo stesso LinkedIn mi hanno spinto a ritornare sull’argomento GDO italiana vs. estera  già trattato nel pezzo “GDO. Italians do it better?” ( http://bit.ly/2WZmrra ) prendendolo da un’altra angolatura. Da dove possono nascere i guai delle GDO francese in Italia? Le cause possono essere diverse. In questo pezzo  mi concentrerò sulle possibili cause interne.

La definizione di “totalismo aziendale” è del professor Stefano Zamagni che ha studiato a fondo il fenomeno. E’, in parole povere, l’azienda che ritiene di bastare a sé stessa. Produce valori, cultura, procedure e stili di management che nascono e muoiono all’interno delle proprie mura. Tipico dei grandi gruppi multinazionali che, in questo modo, si riconoscono da riti e liturgie specifici che ne identificano l’appartenenza.

Presenta anche degli aspetti forti e positivi quando supera con intelligenza giudizi e pregiudizi verso culture e Paesi, si dota di politiche worldwide e si struttura per condividere innovazioni e idee. Il grande limite è che tende  ad uccidere la specificità, la creatività e la libertà di critica e di pensiero. Chi non si adegua è un pesce fuor d’acqua. In tempi di crescita e di sviluppo è indubbiamente un fattore distintivo di omogeneità. Funziona però solo se l’azienda va bene. Esselunga è il classico esempio di totalismo aziendale performante nella GDO. Appartenere ad Esselunga, distingue, rende unici, diversi, irraggiungibili dalle altre insegne.

In tempi di crisi e di navigazione a vista si trasforma in un limite che rischia di essere  insuperabile. La ragione profonda delle difficoltà di Carrefour e di Auchan non è solo legata ai formati distributivi ma è anche un portato di queste ragioni. La difficoltà a capire la specificità del contesto esterno, le diversità culturali in reti di vendita così diverse e diffuse e, infine, l’incapacità a sapersi mettere in discussione. Leggi tutto “Grande Distribuzione francese. L’altra faccia del totalismo aziendale.”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Le nuove sfide spingono le imprese e le loro associazioni in una logica di filiera

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

In una recente intervista a Repubblica David R. Giroux, chief investment officer equity and multi-asset di T. Rowe Price ha affermato: “Amazon è probabilmente uno dei fattori principali che stanno generando cambiamenti secolari per le altre società, in particolare nel settore del retail tradizionale, dei centri commerciali e dei supermercati”.

A questa realtà che ormai è evidente aggiungo l’affermazione di Luigi Consiglio, presidente di GEA, una delle più importanti società di consulenza strategica di livello internazionale, in risposta ad un tweet di Mario Gasbarrino: ”La marca è minacciata più del retailing. Ti racconterò.. (la) desertificazione industriale che Amazon sta creando in USA. Compri sempre al prezzo più basso ed uccidi l’innovazione. Comunque chi non lavora su R&D è fuori dai mercati a prescindere”. Uno scenario su cui riflettere a fondo.

Il fronte del cambiamento, quindi, coinvolge, di fatto,  l’intera filiera. Personalmente non ho ancora dati sufficienti per misurarmi con quanto affermato sopra. Mi limito a prenderne atto e ad approfondirne le possibili conseguenze nei miei campi di interesse. Un dato sembra emergere con forza: l’insufficienza del sistema Paese e dello stesso mondo  associativo tradizionale nel misurarsi su questi temi.

Leggi tutto “Le nuove sfide spingono le imprese e le loro associazioni in una logica di filiera”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Grande distribuzione. Italians do it better?

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

A Verona Ikea getta la spugna. Le traversie burocratiche a cui è stata costretta in tutti questi anni stanno  forse coprendo le ragioni che già spingevano alla cautela il management sulle nuove aperture con il vecchio format.

Ikea ha i suoi problemi di crescita. Sembra evidente che il  vecchio modello di business non può più funzionare a lungo in Paesi come il nostro. Va cambiato e va fatto velocemente e in profondità. Il CEO Brodin ha deciso, in questi mercati,  di privilegiare formati più piccoli, i cosiddetti Pop-Up Store, da dislocare nei centri urbani. Cucine innanzitutto. Ma non solo.

IKEA ha capito quanto può essere esposto il suo business con Amazon e altri potenziali concorrenti  quindi vuole puntare su nuovi format, sulle vendite online e riprogettare la sua logistica prevedendo consegne h 24×7. E rafforzarsi nell’alimentare dove già oggi esibisce numeri di tutto rispetto. IKEA, però,  non deve temere solo Amazon.

In italia, Mondo Convenienza è leader di mercato, e supera Il colosso svedese nelle vendite di mobili già da qualche anno partendo da un’azienda famigliare. Da Civitavecchia a leader nazionale seguendo l’evoluzione del mercato del mobile. Più o meno negli stessi anni di insediamento di IKEA in Italia. Dai tempi di Romano Petretti e Giorgio Aiazzone, entrambi scomparsi troppo presto, il mercato è cambiato profondamente. Carosi, leader di Mondo Convenienza, dei tre è l’ultimo rimasto ma lo ha capito per tempo. Leggi tutto “Grande distribuzione. Italians do it better?”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Nuovi Lavori, mercato e rischio di impresa

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Entro pochi anni gli addetti saranno parecchie migliaia in più rispetto ad oggi. Se saranno lavoratori autonomi o dipendenti di prima, seconda o terza generazione è tutto da scoprire. Imprese, sindacati, giuslavoristi e politici hanno pane per i loro denti.

Dietro l’angolo, però, ci sono cambiamenti profondi che non andrebbero sottovalutati. Il business partito dalla soglia del ristorante o della pizzeria con l’unico scopo di raggiungere il domicilio del cliente si espanderà enormemente. In fondo non era difficile arrivarci. L’interfaccia del cliente è il vero valore aggiunto su cui possono convergere molte altre idee e attività. Da una parte i giganti del web e la rete. Dall’altra una logistica distributiva efficiente ed efficace.

Leggi tutto “Nuovi Lavori, mercato e rischio di impresa”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Quale spazio per i futuri rinnovi dei contratti nazionali?

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

I prossimi rinnovi contrattuali non saranno affatto scontati nella forma e nei contenuti. Da una parte la situazione economica generale che peserà sul lavoro e sulle imprese, dall’altra il dibattito sul salario minimo e sulla sua potenziale sovrapposizione sui contratti nazionali in un Paese dominato da piccole e piccolissime imprese. Non ultimo peserà il giudizio che sindacati e associazioni imprenditoriali daranno degli impegni, onorati o meno, dei contratti in scadenza.

Personalmente credo che ci si troverà davanti ad un bivio. Scommettere o meno sulle relazioni industriali, sul loro potenziale per affrontare il cambiamento, sul livello di coinvolgimento  e sulla possibilità di entrambe le parti di alzare la posta sui contenuti oppure rassegnarsi a riportare inevitabilmente indietro il sistema  rimodellandolo su modelli tradizionali destinati comunque al declino.

Leggi tutto “Quale spazio per i futuri rinnovi dei contratti nazionali?”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Corpi intermedi. Dove è finita la Rappresentanza?

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

L’incombere delle elezioni europee e le liti giornaliere dei due partiti di Governo possono far ritenere una scelta consapevole l’esilio volontario che sembrano essersi imposti i corpi intermedi. Ma è proprio così?

Il sismografo sembrerebbe registrare in campo solo Confindustria che cerca di interpretare, pur in solitudine, il sentimento del cosiddetto Partito del PIL. Sul fronte sindacale, a parte i primi passi di Maurizio Landini, dopo l’exploit della recente manifestazione unitaria, solo Marco Bentivogli  segnala la necessità di una ripresa di protagonismo che sembra ormai relegato alle sempre più rare dichiarazioni alle agenzie e alla convegnistica tradizionale.

Paradigmatica la situazione di Confcommercio. Reduce da Cernobbio dove non è uscito nulla di significativo e  dove,  più che per la presenza di Salvini sul lago di Como,  ha fatto notizia  l’assenza dello stesso  a Roma dove a Villa Madama era in corso  la cerimonia per la firma del Memorandum d’Intesa tra Italia e Cina, alla presenza del presidente cinese Xi Jinping e del premier Giuseppe Conte insieme ai ministri Luigi Di Maio, Giovanni Tria e Enzo Moavero.

Leggi tutto “Corpi intermedi. Dove è finita la Rappresentanza?”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Ho letto “Contrordine Compagni” di Marco Bentivogli

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Marco Bentivogli è un sindacalista serio, ottimista e lungimirante. È nato e cresciuto nei metalmeccanici della CISL. Intransigente sui valori, aperto, curioso e impegnato sui temi dell’innovazione tecnologica e sociale.  Negoziatore intelligente, Bentivogli non nasce a caso nella CISL.

È figlio d’arte. È un prodotto di quella cultura, la respira e la riproduce rappresentando un segnale della volontà e della capacità di rinnovamento dello stesso sindacalismo confederale.  È contemporaneamente punto di arrivo  di una storia importante ma anche di possibile ripartenza.

L’errore che si sta commettendo da più parti  è di contrapporlo pregiudizialmente a Maurizio Landini. Bentivogli è rappresentato come il sindacalista moderato, amico delle imprese, Landini come quello intransigente, amico dei lavoratori. Niente di più sbagliato.

Sono entrambi sindacalisti prodotti originali delle loro esperienze personali. Il primo, avendo capito che la persona è il fulcro nel processo di cambiamento in corso nell’impresa e nel lavoro vede una grande opportunità per il sindacato e la gioca in prima persona in campo aperto. Il secondo coglie anch’esso i rischi di questi cambiamenti epocali ma sceglie di attrezzarsi per difendersi dalle conseguenze percorrendo strade più tradizionali. Almeno per il momento. Leggi tutto “Ho letto “Contrordine Compagni” di Marco Bentivogli”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn