Amazon e non solo. Spunti di riflessione

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

È di pochi giorni fa l’articolo di Silvia Armati su informacibo  (https://bit.ly/32yyl0C) che racconta l’accordo tra Cia-Agricoltori Italiani e Alibaba.com, la più grande piattaforma di e-commerce B2B a livello internazionale. L’obiettivo è promuovere l’export del Made in Italy agroalimentare, aprendo nuovi canali commerciali online per le aziende associate soprattutto verso la Cina.

L’articolo sottolinea come “Alibaba.com rappresenti la maggiore piattaforma di e-commerce B2B del mondo, come 150 milioni di utenti registrati, 190 tra Paesi e Regioni coinvolte, oltre 300.000 richieste al giorno per 40 settori merceologici. Con un occhio di riguardo proprio al “food&beverage”, che rappresenta la prima voce tra le “top 10 industries” della piattaforma online, con il 12% dei click sul vino e il 7% sulla pasta”.

Dall’altra parte dell’Atlantico, con Walmart, ormai fuori dall’affaire Tik Tok in coppia con  Microsoft, Amazon cerca di risalire la china per recuperare una relazione con Washington dopo essersi trovata  in difficoltà nei rapporti politici che contano.

L’ingaggio nel CDA del generale Keith Alexander, ex capo della National Security Agency (Nsa), credo vada letto in questo contesto (https://bit.ly/2REOCuQ). Secondo la CNN il ruolo di Alexander con la società rifletterebbe proprio la volontà di rafforzare i  legami di Amazon con Washington.
Leggi tutto “Amazon e non solo. Spunti di riflessione”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

La retorica dell’eroe silente alla prova del rinnovo del contratto nazionale della grande distribuzione

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Walter Veltroni indica  (https://bit.ly/3itycRG) nelle celebrazioni post covid, tra gli eroi silenziosi, le cassiere dei supermercati. Non è una novità ma, a mio parere, il rischio è che si replichi una retorica  fine a se stessa in mancanza di una strategia (anche sindacale) sul lavoro e sull’impegno di chi si è trovato a reggere l’urto iniziale nel  lockdown e quindi sul valore economico e professionale del personale di vendita nella Grande Distribuzione.

Il periodo che speriamo di aver messo alle spalle ci ha mostrato due aspetti del problema. Il primo riguarda la capacità delle imprese della GDO di reggere l’urto della pandemia. Hanno  gestito l’assalto di clienti vecchi e nuovi preoccupati di costruirsi scorte spesso inutili,  non hanno fatto trovare vuoti i propri scaffali e quindi hanno saputo regolare i flussi logistici pur in tempi difficili e hanno saputo affrontare tensioni e rischi per l’ordine pubblico anche fuori dal punto vendita. E ultimo ma non ultimo hanno  potuto contare su di una organizzazione aziendale efficace pur tra costi imprevisti indotti da decisioni stravaganti esterne al comparto, aumento della morbilità del personale, tensioni con i clienti e insufficienze del contesto esterno.

Leggi tutto “La retorica dell’eroe silente alla prova del rinnovo del contratto nazionale della grande distribuzione”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Il “distanziamento” tra le parti sociali è dannoso per il Paese.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

L’incontro di oggi tra Confindustria e sindacati confederali potrebbe rischiare di essere una non notizia. Solo Dario Di Vico lo segnala in prima pagina sul Corriere pur non nutrendo particolare ottimismo sul suo possibile esito (https://bit.ly/2R0e7GH).

È indubbio che uno  degli effetti collaterali del Covid-19 è stato di aggravare lo stato di salute di un sistema relazionale proprio perché erano già presenti sintomi di patologie degenerative.

Innanzitutto occorre sottolineare che il processo di ritorno nei propri recinti associativi di ciascuna confederazione ha coinvolto tutte le parti sociali. Il calo degli associati e degli iscritti ha spinto le rispettive leadership a derive identitarie e a scelte conservatrici.

Solo Confindustria ha cercato, con la scelta di Carlo Bonomi, di sottrarsi all’inevitabile traiettoria perché è l’unica, tra le confederazioni, a dover fare i conti con l’irrequietudine dei propri associati e quindi con la necessità di cavalcare il cambiamento imposto dalla globalizzazione. Ma anche lì temo che il dibattito sul livello di irruenza necessaria sia tutt’altro che concluso.

Leggi tutto “Il “distanziamento” tra le parti sociali è dannoso per il Paese.”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Conad. Alla conquista dello Spazio….

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Mi è sempre piaciuto visitare le fabbriche nei vari reparti così come girare per i punti vendita delle diverse insegne. Soprattutto quando sono attraversati da cambiamenti e innovazioni. Parlare con le persone, vedere come “vivono” questi cambiamenti è importante per capire se, il loro contributo, sarà positivo o difensivo.

In un punto vendita oltre a questo ci sono i clienti che, manifestando il loro punto di vista, confermano o meno quello che gli “esperti” hanno progettato. Il successo di un punto vendita passa tutto da qui. Lo spirito collaborativo e proattivo dei dipendenti, il loro entusiasmo,  creano il clima necessario nel quale, il contenuto, la convenienza e la comunicazione costituiscono l’elemento di attrattività del negozio piccolo o grande che sia.

Visitare lo Spazio Conad di Vimodrone era quindi, per me, molto importante per capire, al di là della presentazione formale delle novità, se, il dopo Auchan poteva considerarsi cominciato. Soprattutto se e quanto il lockdown avesse o meno messo piombo alle ali nella velocità del cambiamento necessario. La mia impressione è che il passaggio definitivo nella nuova fase con questa operazione di Vimodrone sia sostanzialmente avvenuta.

Aver scelto l’hinterland milanese per il debutto del nuovo Spazio Conad è stata una sfida nella sfida. Milano, a mio parere, non è ancora nelle corde profonde di Conad. C’è una specificità che va compresa prima di agire. Esselunga domina incontrastata mantenendo a debita distanza i concorrenti, Carrefour con l’arrivo di Christophe Rabatel proverà ad accelerare il suo rilancio, i discount stanno crescendo.  Da non sottovalutare che l‘incertezza sulle prospettive ha già portato al congelamento del centro commerciale Westfield (un villaggio dello shopping da 155 mila metri quadri) a Segrate almeno per i prossimi 12-18 mesi. Leggi tutto “Conad. Alla conquista dello Spazio….”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

L’ENI alla scoperta dei negozi di vicinato.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Allora c’era Paolo Scaroni alla testa dell’ENI. Oggi siamo in un’altra era geologica. Però è singolare rileggere con quale veemenza il mondo dei distributori di carburante si scagliava  contro la Grande Distribuzione.

Addirittura nel 2011 il più grande gruppo petrolifero italiano, presentò un ricorso urgente al Presidente della Repubblica, chiedendo l’annullamento della delibera che consentiva l’apertura di un nuovo impianto (Conad) a Cesena. La  motivazione addotta fu il “gravissimo pregiudizio nell’operatività concorrenziale degli impianti di distribuzione di carburante in Cesena…”. Un gruppo nazionale con 4542 distributori nel 2011presentò quindi un ricorso contro un altro che di pompe allora ne contava solo 11 (da Gdoweek del 1 agosto 2011).

In quegli anni aprire alla grande distribuzione la vendita dei carburanti provocò serrate e forti manifestazioni di protesta dei benzinai. Poi tutto, pur a fatica, rientrò. Adesso  c’è Claudio De Scalzi e quei tempi sembrano lontanissimi.

L’ENI cambia strategia e decide di entrare, di fatto, nella Distribuzione Alimentare (https://bit.ly/3lGzXNn) seppure in punta di piedi. Il lockdown ha riportato in primo piano i negozi di vicinato e quindi l’idea di riconvertire le stazioni di servizio Eni (a cominciare dalle città) in stazioni multiservizi ha preso forma. È il progetto “Eni Café Emporium”. Leggi tutto “L’ENI alla scoperta dei negozi di vicinato.”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Fragole e sangue…

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Fragole e sangue. È il titolo italiano di un vecchio e famoso film americano degli anni 70. L’originale (meno cruento ma significativo) era “The Strawberry Statement”, cioè “La dichiarazione delle fragole”, dove le fragole erano gli studenti in rivolta nelle università. Prendeva spunto da una affermazione di un rettore americano che, infastidito dalle domande dei giornalisti sulle rivendicazioni degli studenti rispose: “Non mi preoccupo degli studenti più di quanto mi preoccupo delle fragole”.

Mutatis mutandis sembra essere stato lo stesso sentimento che ha animato l’attività del titolare della StraBerry, una startup da 7, 5 milioni di euro, nei confronti dei propri collaboratori. Siamo alle porte di Milano e sul banco degli imputati questa volta non c’è finito il “solito” discount brutto e cattivo ma, loro malgrado, rischiano di finirci altre insegne note per la loro attenzione alla filiera a monte e per il rispetto dei lavoratori occupati. E senza alcuna responsabilità. 

Leggi tutto “Fragole e sangue…”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Amazon preoccupa solo chi non vuole cambiare

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Amazon prosegue la sua crescita. La realtà è sempre più concreta delle traiettorie studiate a tavolino. I fatti ci dicono che online e offline, a volte ibridandosi più o meno convintamente,  inseguono i propri modelli di consumo.

Nei tempi lunghi il “negozio” fisico continuerà ad esistere, questo è evidente, ma  solo se saprà evolvere. Per molti resterà  il fulcro principale della propria attività pur in una logica omnichannel, per altri, vedi Amazon o Alibaba per citare i due campioni più significativi, sarà complementare. Parte di un ecosistema completamente diverso. Lo si capisce dalla preoccupazione costante che anima i giganti della Grande Distribuzione mondiale.

Brittain Ladd scomoda la famosa teoria della trappola di Tucidide per dimostrare i rischi dell’ossessione dell’azienda egemone (Walmart) nei confronti di quella emergente (Amazon). Le stesse date di nascita della prima (1962) e della seconda (1994) sono lì a dimostrare che la “lepre” giovane corre comunque più veloce di chi la insegue e che la cultura, l’organizzazione, il management e le radici profondamente radicate nel novecento costringono Walmart a rispondere colpo su colpo  al nuovo che avanza sacrificando così, sull’altare di quell’ossessione, energie, visione e risorse.

Walmart teme per il futuro del proprio business, lo presidia e tenta di insidiare quello dell’odiato “nemico”. Ne ha colto, forse più di altri,  la pericolosità per l’intero retail tradizionale se resta confinato nei propri recinti.  Amazon, al contrario, negli USA, danza intorno al gigante di Betonville schivandone puntualmente i colpi. Leggi tutto “Amazon preoccupa solo chi non vuole cambiare”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Il futuro della Grande Distribuzione non è “solo” nel punto vendita..

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Non credo che si possa immaginare il futuro della Grande Distribuzione limitandosi a ciò che una singola insegna può o dovrebbe fare. Il dibattito però sembra  puntare sempre lì. Più tecnologia, maggiore consapevolezza nel consumatore, consegna a domicilio, sostenibilità, etica nel business, contenimento del  costo del lavoro, qualità dell’assortimento, promozioni, ecc. E, come auspicio condiviso, maggior integrazione nelle filiere e rispetto per ciò che sta a monte.

Chi più, chi meno, su questa prospettiva si sono ormai incamminate quasi tutte le catene più importanti.  È certamente un percorso necessario ma non sufficiente. Tutte le insegne, come si dice in questi casi, sono concentrate sull’albero correndo così il rischio di perdere di vista la “foresta”.

E, nella foresta, ci metto il valore e il futuro della filiera agroalimentare italiana con il peso che la GDO potrebbe giocare o meno, il mercato globale, le concentrazioni come leva indispensabile per crescere, le alleanze su Paesi o su progetti internazionali, il ruolo pubblico/privato nella possibile promozione del Made in Italy, gli investimenti e le strategie necessari per competere con i giganti della rete, la formazione di un management adeguato a queste sfide.

Quante insegne nazionali sono in grado di rispondere (da sole) su questi terreni? Alcune di loro sono indubbiamente molto performanti nei territori dove sono insediate impegnate a giocare una partita pur importante, sulla qualità del servizio, sulle promozioni, sulla convenienza e sui costi. Su questo terreno vince però l’aggressività, non la visione.  Leggi tutto “Il futuro della Grande Distribuzione non è “solo” nel punto vendita..”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

La grande distribuzione alla disfida dell’anguria…

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Devo dire che mi ha colpito la reazione un po’ esagerata tra i retailer sull’anguria ferragostana provocata dalla promozione di Eurospin (1.200 punti vendita, 15.000 dipendenti, con un fatturato 2019 intorno ai 7 Miliardi di euro). Un grande discount italiano già sulla breccia con  operazioni che fanno parlare molto.

Non tanto da chi da tempo ha deciso che il nemico è l’intera grande distribuzione che, difenderebbe i propri interessi, “affamando” gli agricoltori, quanto da parte di esponenti della GDO stessa forse preoccupati di essere accumunati alla supposta spregiudicatezza dell’azione proposta. Secondo alcuni osservatori  un’azienda che si comporta così rischia di trovarsi più o meno accusata di complicità nello sfruttamento dei lavoratori agricoli e di coinvolgere tutto il comparto nello stesso giudizio.

Leggi tutto “La grande distribuzione alla disfida dell’anguria…”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Grande distribuzione e multinazionali. A ciascuna la sua strategia…

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Cambio di passo o cessione? L’articolo di Emanuele Scarci (https://bit.ly/2Dw45cw) lancia un allarme sul futuro di Carrefour in Italia che invita a riflettere. Personalmente non credo ai parallelismi con Auchan. Non bastano perdite simili  per giustificarli. Sono due aziende molto diverse tra di loro.

Il piano di Alexandre Bompard CEO del Gruppo sta funzionando. Le vendite sono in aumento in tutti i Paesi dove Carrefour è presente. Il fatturato a livello mondo è cresciuto del 7,8%. In Francia, le vendite hanno segnato un +4,3% con una crescita del 5,9% nell’alimentare e una caduta del 6,1 % nel non alimentare. L’Italia resta il fanalino di coda e Gerard Lavinay, ha fatto ciò che poteva fare. Le responsabilità della situazione vengono da lontano e i tempi necessari al giro di boa sono evidentemente più lunghi di ciò che la casa madre era disposta ad aspettare.

Da qui l’accelerazione che ha portato all’annuncio dell’arrivo dalla Polonia di Cristophe Rabatel. Quest’ultimo dipenderà direttamente da Alexandre Bompard quindi le decisioni che verranno prese saranno rapide e le responsabilità saranno necessariamente condivise al massimo livello. Nel bene e nel male. Non ci saranno dunque capri espiatori da poter scaricare.

Per il CEO di Carrefour è una scelta coraggiosa. A mio parere non indica affatto una volontà di disimpegno anche perché se il piano non dovesse dare le risposte necessarie non si potrebbe sottrarre  lui stesso al giudizio degli azionisti avendo condiviso ogni scelta. E il dopo Bompard avrebbe ben altre conseguenze. Leggi tutto “Grande distribuzione e multinazionali. A ciascuna la sua strategia…”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn