Imprese e costi energetici. Occorre prepararsi al peggio…

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Sinceramente mi è difficile comprendere la spasmodica ricerca in corso di tutte le scorciatoie possibili quanto vane per risolvere la crisi legata all’approvvigionamento di energia. Le inevitabili ripercussioni sui costi erano stati  previsti nella loro gravità fin da quando i consumi in Cina ne fecero crescere la domanda in modo così rapido da scatenare una corsa agli acquisti, in particolare tra Asia ed Europa.

C’è anche chi c’è arrivato dopo. “Distratti” dalla pandemia e dalle sue conseguenze pochi hanno pensato di coinvolgere il Paese sulla gravità della situazione che si andava profilando all’orizzonte. La guerra scatenata da Putin ne ha poi fatto volare ulteriormente in prezzi in Europa. Il conto, per le famiglie e le imprese, non è  tardato ad arrivare. E non è certo finita qui.

Due ondate (pandemia e crisi energetica) condite da una ripresa inflazionistica seria che, in campagna elettorale, fanno da sfondo ad accuse reciproche e promesse di risarcimenti a piè di lista che rischiano di provocare un brusco risveglio post elettorale al nostro Paese. Nessuno sembra voler fare i conti con il cambio di fase del quale siamo ormai diventati  protagonisti più o meno consapevoli. Vecchia o nuova, la cosiddetta normalità non esiste più. Imprese e lavoratori sono con le spalle al muro.

Leggi tutto “Imprese e costi energetici. Occorre prepararsi al peggio…”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Amazon. Un po’ Dottor Jekill, un po’ Mister Hide….

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

La verità è una sola ma ha molte facce come un diamante, diceva Gandhi. Amazon è una multinazionale anch’essa con molte facce. E, per la sua dimensione, per la sua capacità di presentarsi e di muoversi in settori diversi, è sempre sotto i riflettori. Sia quando innova che quando entra in conflitto con il mercato, con i concorrenti e, a volte, con gli stessi Stati dove il suo agire stride  in un contesto economico e sociale che non è disposto a misurarla con un metro diverso da quello  utilizzato per tutte le altre imprese.

Eppure non è un’impresa come le altre. Ha molte facce. Mentre negli USA continua la sua corsa (Amazon è salita del 12% al Nasdaq, il listino tecnologico Usa, dopo aver annunciato la sera del 28 luglio i risultati del secondo trimestre con ricavi in aumento del 7% a 121,2 miliardi di dollari, al di sopra delle attese degli analisti) nel vecchio continente fatica. Non solo per vincoli e sanzioni.

Giuseppe Caprotti ricostruisce la situazione (https://bit.ly/3v74k68) e spinge alla riflessione sul reale stato dell’azienda. Al centro del suo ragionamento il disequilibrio tra l’andamento dell’e-commerce negli USA (+8%) e l’Europa (-6%).  Scrive Caprotti: “Amazon in Europa  ha scelto di non puntare a forti profitti operativi, su cui dovrebbe pagare forti tasse, ma alla conquista di quote di mercato compensandole con i guadagni in altre aree geografiche e soprattutto tramite la forte redditività nel mondo di Amazon Web Services, la parte del gruppo che offre servizi di cloud computing.

Indipendentemente dai punti di osservazione possibili, prendo a prestito un concetto semplice da un comparto dove Amazon ha recentemente investito che spiega bene la filosofia generale dell’azienda: “Pensiamo che l’assistenza sanitaria sia in cima alla lista delle esperienze che devono essere reinventate”, ha affermato Neil Lindsay, vicepresidente senior che guida gli investimenti in campo sanitario di Amazon.
Leggi tutto “Amazon. Un po’ Dottor Jekill, un po’ Mister Hide….”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Un dilemma per il nuovo Governo: sostenere i consumi o aiutare i più deboli…

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

La proposta  di Renato Brunetta di mettere mano all’IVA dei prodotti di prima necessità, per ora, è rimasta un’ipotesi di lavoro. Draghi e Franco fino alla crisi di Governo propendevano più per aiuti selettivi indirizzati alle fasce più deboli della popolazione. Azzerare l’Iva sui beni di largo consumo equivarrebbe a tutelare tutta la popolazione, anche quella con redditi alti. Su queste divergenze non si è fatto ancora nulla.

Il punto è che la campagna elettorale non è il luogo più adatto per distinguere l’improbabile dall’impossibile e quindi il Governo credo sarà molto cauto nelle decisioni al contrario della Francia che si appresta ad affrontare il primo autunno dopo le elezioni, i cui risultati hanno indubbiamente  indebolito Macron. Un Paese, la Francia,  attraversato da tensioni sociali acute diverse dalle nostre. Il nuovo Governo ha  deciso un pacchetto di misure importanti. Un’ampia maggioranza dell’Assemblea nazionale ha convenuto sugli interventi a difesa del potere d’acquisto e li ha approvati. L’idea che li sostiene è quella di tutelare i più deboli. Non sostenere i consumi in generale.

Leggi tutto “Un dilemma per il nuovo Governo: sostenere i consumi o aiutare i più deboli…”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Grande Distribuzione e produttività. Una sfida non solo per le aziende..

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Agatha Christie sosteneva che “un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza ma tre indizi fanno una prova”. Insisto, anche se aver affrontato l’argomento mi ha portato qualche critica,  nel ritenere un errore del sindacato di categoria non prendere atto che il tema della produttività è centrale. Non però in generale dove tutti, più o meno, ne convengono ma nel concreto della quotidianità del punto vendita.

E, come ho già scritto (https://bit.ly/3OOkOr8),  discutere di produttività è altra cosa che affrontare il tema in presenza di investimenti tecnologici come in altri settori. La strada è una sola. Ottimizzare la prestazione individuale e collettiva coinvolgendo le persone e mettendo al centro il servizio al cliente e la redditività del negozio. Adesso è il momento dei discount. Dopo Eurospin  tocca a Penny Market il discount tedesco del gruppo Rewe. Il sindacato di categoria sembra scoprire improvvisamente  le “consuete criticità” del lavoro in un punto vendita. Difficile capirne la ratio. Nei punti vendita, soprattutto nei più piccoli o gestiti dai franchisee si lavora così. Da sempre. Dal comunicato della Uiltucs Uil scopriamo che le “relazioni sindacali territoriali sono insufficienti ed inefficaci per responsabilità aziendale, salute e sicurezza sono in discussione, i carichi di lavoro sono eccessivi, turni ed orari di lavoro sono pesanti, c’è un improprio utilizzo delle clausole elastiche e flessibili nonché dei permessi retribuiti. Turnazione e pause non sono rispettati e le pulizie dei negozi, dei servizi e dei parcheggi sono in capo al personale con altre qualifiche”.

Cambia l’insegna ma la musica è sempre la stessa. Visto dai comunicati  sindacali, Eurospin, Penny Market o altri discount e non solo, ogni vertenza aperta parte da una fotografia talmente drammatica che i punti vendita sembrano assimilabili a gironi danteschi. La distanza tra ciò che il sindacato rivendica e l’impostazione organizzativa aziendale è talmente ampia da svuotare di senso qualsiasi negoziato perché la differenza di impostazione, su queste basi,  è incolmabile. Vengono così dichiarati fantomatici blocchi degli straordinari e programmati scioperi di cui se ne perde immediatamente traccia. Le aziende abbozzano e  tutto ritorna alla quotidianità della gestione del punto vendita.

I discount ma anche gli stessi supermercati alle prese con il difficile equilibrio tra fatturati e margini funzionano così. Il tema della produttività del lavoro e quindi del suo riconoscimento diventa centrale. Tra l’altro  in vista del possibile rinnovo dei numerosi CCNL, il sindacato rischierebbe di  tirarsi la zappa sui piedi da solo. E queste, lo dico  per i critici esterni,  sono tutte realtà che non hanno né un turn over elevato né un assenteismo eccessivo.  E neppure rilevabili abbassamenti delle performance o peggioramenti della qualità di servizio percepiti dai clienti. Né faticano a trovare collaboratori. Le iniziative formative e di coinvolgimento sono numerose, la possibilità di accedere a  carriere interne, pure.

È chiaro che il lavoro nella GDO non è per tutti. Orari, turnazioni, impegno richiesto a contatto con i clienti e gestione degli imprevisti di ciò che si genera a monte nella logistica e nel rifornimento necessitano di caratteristiche diverse da altri comparti economici. Il punto vendita, pur costruito su una gerarchia precisa e all’interno di un modello organizzativo standard, comporta responsabilità personali e capacità di muoversi in mezzo ad imprevisti e interlocutori interni ed esterni che rendono quel lavoro particolare. Senza confini di qualifica né di inquadramento.

C’è un organizzazione formale di cui il CCNL ne rappresenta sulla carta il quadro di riferimento e poi c’è la realtà fatta di clienti esigenti, richieste di ogni tipo, promozioni che sconvolgono la quotidianità, derivati dagli afflussi e di picco. Non è quindi un lavoro adatto a tutti.  Il rischio che uno o più sindacati insistano su modelli organizzativi superati sembra essere l’unica spiegazione. A volte anche i manager intermedi delle aziende tirano troppo la corda. Soprattutto se e quando prendono impegni con la loro gerarchia che sanno di non poter mantenere.

Eppure il tema della produttività e del suo riconoscimento  anche a vantaggio dei lavoratori dovrebbe animare la discussione in vista dei rinnovi contrattuali. Draghi è stato chiaro. I CCNL vanno rinnovati. Ma se non si vuole ridurli ad una pura questione salariale la loro attualizzazione sui temi chiave per le imprese andrebbero ripresi.

I modelli organizzativi precedenti che hanno permeato il CCNL erano mutuati sostanzialmente dalle grandi superfici e derivati da una forte impostazione tayloristica. C’era poca cultura del servizio e delle logiche di un negozio e un’impostazione quasi da reparto industriale. Organici di reparto, nastri orari, operazioni di pulimento esternalizzate, pause e rimpiazzi, inquadramento e tipologie di lavoro consentivano organizzazioni lasche e spesso ridondanti. Ma i bacini di utenza erano ben diversi. E la competitività tra i differenti formati è data da una continua ricerca di equilibrio tra fatturati e margini e quindi il tema dei costi, della loro gestione e del contributo qualitativo delle persone diventano centrali.

Il sindacato di categoria di fronte a questo può “fingere” di non vedere la realtà mettendosi di traverso  o scegliere di misurarsi con le imprese per una più equa distribuzione dei benefici prodotti da questi modelli organizzativi e quindi per un maggiore protagonismo dei lavoratori partendo dall’andamento del punto vendita ma guardando alla prospettiva dell’insegna che lo comprende. E questo converrebbe anche alle aziende che porterebbero il lavoro e la sua valorizzazione al centro di una rinnovata centralità del cliente e della sua gestione evitando così di scivolare verso un utilizzo strumentale del lavoro sempre meno pagato che, prima o poi, si rivolterebbe contro.

E questo è un passaggio obbligato se il welfare contrattuale e la bilateralità vengono intesi come passi nella direzione di forme di coinvolgimento e di partecipazione alla vita del comparto e delle aziende e non come esclusivi generatori di risorse e poltrone. Il CCNL è quindi a un bivio. Può ripiegare diventando uno strumento di semplice governo salariale e quindi una sorta di salario minimo gestito nel settore o evolvere verso modelli contrattuali più coinvolgenti e partecipativi. Su questo produttività e sua distribuzione potrebbero rappresentare il vero punto di svolta. 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Terziario e servizi. Draghi sollecita il rinnovo del CCNL

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

E così c’è voluto addirittura un intervento deciso di Mario Draghi per far capire che i CCNL vanno rinnovati. Eppure Carlo Sangalli lo aveva incontrato da poco nascondendosi dietro le solite richieste sul tema: riduzione sul cuneo contributivo  e fiscale e sgravi sugli aumenti ipotizzando futuri rinnovi. Si era dimenticato di dirgli che l’ultimo CCNL del terziario è stato sottoscritto sette anni fa ed è fermo da oltre due anni e che, a differenza di Confindustria che i suoi contratti li aveva rinnovati, il CCNL è rimasto fermo senza alcuna ragione specifica particolare. Turismo e piccoli esercizi travolti dalla pandemia hanno i loro contratti nazionali e buone ragioni per non rinnovarli in questi anni. Quindi nessuna scusa.

Solo la competizione al ribasso tra Confcommercio, Federdistribuzione e Confesercenti nel rinnovo precedente ha convinto tutti e tre che buttare la palla in tribuna fosse una buona cosa. Alle aziende in fondo sarebbe andata bene così. Avrebbero risparmiato nel breve e rinviato il rinnovo a tempi migliori.

Nessuna delle tre organizzazioni si è voluta assumere la responsabilità che le competeva proponendo  un percorso serio alle imprese. E un negoziato win win ai sindacati di settore.  Meglio cavalcare paure e preoccupazioni in vista di una possibile quanto rischiosa tempesta perfetta puntualmente arrivata. E oggi il quadro si sta complicando  ulteriormente.

Eppure Sangalli in passato ha subìto l’uscita di Federdistribuzione proprio per aver deciso che era arrivato il momento di chiudere un contratto nazionale che vedeva contraria proprio la GDO. Altri tempi evidentemente. L’attuale vertice di Confcommercio ha perso quella sensibilità.  Oppure si è perso tra veti e contraddizioni interne. Muro sull’aspetto salariale, vaghe teorizzazioni nel merito delle proposte sindacali e qualche commissione creata per ammortizzare le spinte dei lavoratori. Una figuraccia certificata dal Presidente del Consiglio che fotografa l’affanno complessivo e la mancanza di iniziativa dell’intero associazionismo nel commercio e nel terziario.  Leggi tutto “Terziario e servizi. Draghi sollecita il rinnovo del CCNL”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Giuseppe De Rita. Cosa resterà degli anni 80….

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

“In Italia le persone in gamba lasciano spazio e si mettono a fare volontariato ma vi è un esercito di “eterni” che non sa ripensare alla propria vita senza l’incarico (retribuito) per tutta la vita.”
M. Bentivogli

La carta di identità non è mai stata un indicatore di performance se non in campo sportivo. Standing personale, comportamenti, coerenza e leadership sono caratteristiche individuali. Difficile accreditarli in esclusiva ad una generazione. L’età, è vero, in alcuni aggiunge visibilità, significati ed esperienza. In altri solo distanza dal contesto.

Gli ottuagenari nel nostro Paese sono circa 4 milioni e rappresentano il 7% della popolazione. Estrarne un piccolo campione qualitativo come ha fatto Giuseppe De Rita sul Corriere (https://bit.ly/3Iqt3HM) mettendo sullo stesso piano intellettuali di prim’ordine o chi ha avuto grandi meriti messi generosamente a disposizione della società con chi, alla prova dei fatti,  ne ha solo tratto  benefici personali rischia di essere fuorviante. L’amicizia però gioca brutti scherzi. Personalmente credo che semmai andrebbero celebrati proprio quegli ottantenni e oltre che non compaiono in quell’elenco. Quei volti anonimi che hanno lavorato duro, educato figli e nipoti, dato il loro contributo alla costruzione del Paese. È forse l’ultima generazione che ha capito sulla propria pelle che il successo viene prima del sudore  solo sul vocabolario. Persone umili o grandi imprenditori che hanno dato il meglio di sé lasciando ai loro eredi un’educazione, una casa, un’azienda, un impero, un’idea di futuro tutta da scrivere. Non un peso da sopportare.

Leggi tutto “Giuseppe De Rita. Cosa resterà degli anni 80….”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Gorillas. Veloce nelle consegne, altrettanto rapida nel chiudere…

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

La decisione di lasciare il nostro paese da parte di Gorillas, una società tedesca del food delivery è destinata a far discutere. Non è la sola e non sarà l’unica perché occupa un segmento della filiera tutt’altro che stabilizzato, estremamente sensibile al contesto socioeconomico che lo circonda, in bilico permanente tra la volontà di espansione di un business potenziale, condiviso con altri competitor e alla ricerca di una redditività oggi estremamente difficile da ipotizzare.

La trama stessa della vicenda presenta aspetti interessanti che consentono uno sguardo non convenzionale sul quadro di riferimento economico finanziario,  le accelerazioni, le cadute e le possibili ripartenze che l’innovazione porta sempre con sé.

Entrata a gamba tesa nel nostro mercato, ritenuta un’unicorno quindi sostenuta finanziariamente, predestinata al successo sicuro con un modello di business parzialmente diverso dalla concorrenza incentrato sulla novità della consegna a domicilio ultrarapida in un mondo, quello della spesa, che resta estremamente tradizionale e conservatore.

A cosa serve farsi consegnare la spesa in dieci minuti? A nulla se non si inquadra questa come altre iniziative imprenditoriali nel solco del cambiamento e dell’innovazione indotti dalla tecnologia. Alcune destinate a generare ulteriori innovazioni altre a tramontare rapidamente perché troppo in anticipo o fuori contesto. Da qui le campane a morto di questi giorni. La solita semplificazione di un ragionamento complesso.

Leggi tutto “Gorillas. Veloce nelle consegne, altrettanto rapida nel chiudere…”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Contratto nazionale del commercio. I sindacati hanno ragione ma le aziende non hanno torto…

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Difficile fare pronostici. Da una parte le buone ragioni del sindacato di settore. L’inflazione colpisce gli addetti come i consumatori. Tenere fermo il rinnovo a oltre due anni dalla scadenza per le diatribe tra le controparti datoriali rischia di trasformarsi in un boomerang. Ha ragione Vincenzo Dell’Orefice della Fisascat CISL a sottolineare che nascondersi dietro l’aumento dei costi per evitare il confronto di merito di un contratto nazionale, che ha una vigenza pluriennale, non è un motivo sufficiente. “Chi non vuole rinnovare un contratto trova sempre un motivo (il covid, la guerra, l’inflazione ecc).” Il punto è, come ci ricorda un  saggio proverbio africano,  che chi vuole sul serio qualcosa cerca una strada. Non una scusa.

Aggiungo che le stesse associazioni datoriali, in primo luogo  Confcommercio e Federdistribuzione impegnate in una estenuante competizione sulla rispettiva rappresentatività nel comparto rischiano di perdere la necessaria autorevolezza fondamentale per guidare un negoziato  complesso. I segnali ci sono tutti. Da un lato la fuga dal CCNL di Federdistribuzione di alcune aziende associate verso altre formule contrattuali, mascherato, in termini numerici, con l’arrivo di importanti nuove aziende.

Dall’altro le dichiarazioni di Donatella Prampolini responsabile Confcommercio dell’area  lavoro quando annuncia che per impedire giochi al ribasso nel prossimo rinnovo di altre organizzazioni datoriali andrà  richiesta ai sindacati “una clausola di salvaguardia con l’obiettivo di impedire il dumping contrattuale”. La Confcommercio avrà quindi bisogno di un pezzo di carta firmato dai sindacati in sede di rinnovo che garantisca un riallineamento economico/normativo nel caso  altre organizzazioni datoriali dovessero ottenere di più dagli stessi sindacati.

Confcommercio non è più in grado di mettere in campo l’autorevolezza del Presidente Sangalli ormai ai titoli di coda né il peso della confederazione su questa materia né la fermezza necessaria con le rispettive controparti. Donatella Prampolini ha addirittura definito “furbata” lo sconto salariale ottenuto da Federdistribuzione e da Confesercenti nel rinnovo precedente. Non un tragico errore dei sindacati che non si dovrà più ripetere pena l’interruzione di ogni relazione seria. Oggi serve una garanzia scritta. È proprio la fine di un ciclo. Leggi tutto “Contratto nazionale del commercio. I sindacati hanno ragione ma le aziende non hanno torto…”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Frutta e verdura a Milano. La filiera parla arabo…

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Credo sia importante tenere accesi i riflettori sull’intera  filiera dell’ortofrutta. Il mondo del lavoro povero e poverissimo prodotto dall’immigrazione sta presentando problemi ben al di là dall’allarme lanciato ogni anno per le condizioni di lavoro nei campi di raccolta. Bisogna prenderne atto e intervenire perché il fenomeno si sta ormai radicando nell’intera filiera dalla produzione al consumatore finale. Purtroppo  pochi ci fanno caso.

Questa volta i protagonisti sono i nordafricani. Ambulanti, mercati rionali, piccoli negozi distribuiti in tutta la città di Milano e non solo stanno ridisegnando la mappa del comparto ma, a mio giudizio, descrivono una tendenza in atto. Molti nascono e muoiono, cambiano nome e si trasferiscono da un quartiere all’altro. Riconosci i negozi non certo dall’estetica accattivante ma per la frutta ad un euro. Anzi 0,99. A un euro gli avocado. Lavorano preferibilmente con  i contanti. Frutta e verdura sui banchi spesso ordinata in quantità eccessiva (perché imposta dal grossista) e quindi poco pianificata. Vendono quello che gli consegnano. Al pomeriggio costa pure meno. La qualità è discreta.

Almeno in linea con quella offerta, molto meno a buon mercato, dalla grande distribuzione. Se fate un giro per punti vendita della GDO in questi giorni è toccato alle ciliegie. Prima alle fragole. Si discute, come ogni anno, della remunerazione dell’intera  filiera. I riflettori sono puntati sui discount nazionali pronti a preparare il solito “colpaccio” dell’anno verso ferragosto animando così le polemiche sulla raccolta e sullo sfruttamento nei campi. Non conosco altre città. So che a Roma e provincia i  piccoli supermercati aperti h24, i cosiddetti  banglamarket, sono cresciuti esponenzialmente. Piccoli negozietti, pieni all’inverosimile che vendono di tutto. Spesso a tutti. Anche a chi non avrebbe l’età per certi acquisti. La tendenza è chiara. È un terziario povero che sta accompagnando i fenomeni legati all’immigrazione.

Leggi tutto “Frutta e verdura a Milano. La filiera parla arabo…”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

La Confcommercio in stallo con una leadership sempre più debole…

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Tutto ciò che non si rigenera, degenera.
Edgar Morin

Fino a pochi anni fa pensavo che ci fosse solo un luogo dove, a causa dell’inclinazione dell’asse terrestre, nel giorno del solstizio d’estate il sole non tramonta mai, ma rimane sulla linea dell’orizzonte, senza sorgere né tramontare. Un luogo poco sopra il villaggio di Babbo Natale dove il tempo sembra fermarsi. Non ho trovato una istantanea   più realistica di ciò che da qualche tempo è la Confcommercio. Un luogo dove il tempo sembra essersi fermato. Dove l’unica certezza è il tentativo del cerchio magico dell’anziano Presidente di immaginare ancora possibile il prolungamento sine die del regno di Carlo Sangalli ormai inevitabilmente compromesso.

I beneficiati degli incarichi ottenuti cercano di parlare d’altro per non esporsi. Nel mondo politico e istituzionale si comincia però a registrare un forte imbarazzo. Un provvidenziale contagio ha tenuto a debita distanza fisica  il titolare del MISE Giorgetti, le defezioni registrate all’assemblea confederale, volutamente tenuta sottotono e spostata ad un’ora che evitasse interpretazioni malevole, ne sono il segnale più evidente. Così come le assemblee  interne spostate e riproposte da remoto come fossimo nei momenti più duri del contagio da covid-19 solo per evitare spiacevoli domande. Impossibile nascondere un senso di disagio  diffuso e palpabile.

Leggi tutto “La Confcommercio in stallo con una leadership sempre più debole…”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn