La grande distribuzione alla disfida dell’anguria…

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Devo dire che mi ha colpito la reazione un po’ esagerata tra i retailer sull’anguria ferragostana provocata dalla promozione di Eurospin (1.200 punti vendita, 15.000 dipendenti, con un fatturato 2019 intorno ai 7 Miliardi di euro). Un grande discount italiano già sulla breccia con  operazioni che fanno parlare molto.

Non tanto da chi da tempo ha deciso che il nemico è l’intera grande distribuzione che, difenderebbe i propri interessi, “affamando” gli agricoltori, quanto da parte di esponenti della GDO stessa forse preoccupati di essere accumunati alla supposta spregiudicatezza dell’azione proposta. Secondo alcuni osservatori  un’azienda che si comporta così rischia di trovarsi più o meno accusata di complicità nello sfruttamento dei lavoratori agricoli e di coinvolgere tutto il comparto nello stesso giudizio.

Leggi tutto “La grande distribuzione alla disfida dell’anguria…”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Grande distribuzione e multinazionali. A ciascuna la sua strategia…

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Cambio di passo o cessione? L’articolo di Emanuele Scarci (https://bit.ly/2Dw45cw) lancia un allarme sul futuro di Carrefour in Italia che invita a riflettere. Personalmente non credo ai parallelismi con Auchan. Non bastano perdite simili  per giustificarli. Sono due aziende molto diverse tra di loro.

Il piano di Alexandre Bompard CEO del Gruppo sta funzionando. Le vendite sono in aumento in tutti i Paesi dove Carrefour è presente. Il fatturato a livello mondo è cresciuto del 7,8%. In Francia, le vendite hanno segnato un +4,3% con una crescita del 5,9% nell’alimentare e una caduta del 6,1 % nel non alimentare. L’Italia resta il fanalino di coda e Gerard Lavinay, ha fatto ciò che poteva fare. Le responsabilità della situazione vengono da lontano e i tempi necessari al giro di boa sono evidentemente più lunghi di ciò che la casa madre era disposta ad aspettare.

Da qui l’accelerazione che ha portato all’annuncio dell’arrivo dalla Polonia di Cristophe Rabatel. Quest’ultimo dipenderà direttamente da Alexandre Bompard quindi le decisioni che verranno prese saranno rapide e le responsabilità saranno necessariamente condivise al massimo livello. Nel bene e nel male. Non ci saranno dunque capri espiatori da poter scaricare.

Per il CEO di Carrefour è una scelta coraggiosa. A mio parere non indica affatto una volontà di disimpegno anche perché se il piano non dovesse dare le risposte necessarie non si potrebbe sottrarre  lui stesso al giudizio degli azionisti avendo condiviso ogni scelta. E il dopo Bompard avrebbe ben altre conseguenze. Leggi tutto “Grande distribuzione e multinazionali. A ciascuna la sua strategia…”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Federdistribuzione. Adesso tocca a loro…

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

I tre saggi incaricati sono al lavoro per individuare il nuovo presidente di Federdistribuzione. L’ultima consiliatura non è stata particolarmente fortunata. Già per Claudio Gradara succedere a Cobolli Gigli e alla sua immagine pubblica non era facile. Poi è successo un po’ di tutto.

È comunque un passaggio importante perché mai come in questo momento il comparto ha bisogno di visione, unità e, soprattutto,  di incrementare il suo peso specifico a livello politico. C’è da governare il post lockdown, la crisi e la riorganizzazione dei formati distributivi e del non alimentare, la concorrenza con la rete e gestire il prossimo negoziato sul lavoro festivo. C’è anche il rinnovo del contratto di lavoro con l’inevitabile competizione nella rappresentanza di imprese.

Tanta carne al fuoco attende Federdistribuzione che, a giudizio di molte aziende associate, non è riuscita ad imporsi con la necessaria autorevolezza. E non certo per cause legate alla struttura che conta ottimi professionisti. È, come in tutto il mondo della rappresentanza, un problema di volontà politica, di visione e di scelte di uomini chiamati a rappresentare interessi diversi tra imprese.

La regola, non scritta ma praticata, che una leggenda metropolitana assegna alla lucidità luciferina di Bernardo Caprotti di privilegiare la creazione di un vertice  federale mai troppo forte per non “disturbare” la libertà di movimento delle singole imprese impegnate a competere tra di loro  potrebbe però venire meno proprio in forza del mutamento del contesto e grazie alle prossime votazioni. Leggi tutto “Federdistribuzione. Adesso tocca a loro…”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Grande distribuzione. Multinazionali fuori portata per i top manager italiani?

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Il CEO di Carrefour italia Gerard Lavinay lascia il timone a Cristophe Rabatel proveniente dalla Polonia dove ha ottenuto le migliori  performance per il Gruppo e subito si scatena in rete un confronto sulla scelta di affidare la subsidiary della multinazionale francese in crisi di risultati ad un altro francese.

Premesso che Carrefour può scegliere chi le pare resta interessante allargare il discorso alle ragioni che impediscono al management italiano (middle e top) di crescere e affermarsi ai più alti livelli della Grande Distribuzione nazionale e continentale.

Serve a poco parlare di scelte scontate quanto sbagliate o scandalizzarsi perché ad un francese che non ha raggiunto i risultati attesi dalla casa madre segue un altro francese. Né fare inutili parallelismi con Auchan che resta una realtà completamente diversa che in più ha deciso, a differenza di Carrefour,  di lasciare il nostro Paese.

Ribadisco che  in tutta Europa (quindi Italia compresa) manager di altissimo livello in grado di occupare quella posizione in questa fase, ritenuti idonei   per il  CEO Alexandre Bompard e pronti a rischiare la propria carriera, non ne vedo. In  secondo luogo  mi continua a stupire chi confonde la cultura di una subsidiary company sul piano mangeriale e organizzativo facente parte di una multinazionale presente in 30 Paesi con 490.000 dipendenti e un fatturato di circa 90 miliardi con quello di una pur importante realtà locale che vive tutt’altre problematiche. Impossibile fare paragoni. Sono mondi diversi, culture diverse e modalità decisionali assolutamente diverse. Nel bene e nel male. Leggi tutto “Grande distribuzione. Multinazionali fuori portata per i top manager italiani?”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

La Grande Distribuzione tra innovazione, voglia di crescere e vincoli culturali

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Com’era prevedibile l’intuizione di Conad di accelerare la sua crescita attraverso l’acquisizione delle attività di Auchan in Italia ha spiazzato i concorrenti e contribuito a rimettere in moto l’intero puzzle della Grande Distribuzione del nostro Paese. Il lockdown poi  ha mostrato limiti e potenzialità dell’intero comparto.

Alcune nuove multinazionali premono per entrare  in cerca di acquisizioni, diverse realtà nazionali, anche importanti,  sono (di fatto)  in vendita e la necessità di concentrarsi per crescere e competere resta l’unica traiettoria possibile.

Carrefour “pensiona” il suo CEO in Italia Gerard Lavinay che non aveva ancora concluso il difficile piano di riorganizzazione e lo sostituisce con Christophe Rabatel in arrivo dalla Polonia dove ha realizzato le migliori performance  tra i Paesi europei (con presenza  della multinazionale francese) anche in forza dell’accordo con Allegro, il marketplace leader in Polonia.

Gerard Lavinay con grande sensibilità chiosa sornione su LinkedIn, in risposta all’articolo sul blog di Emanuele Scarci (https://bit.ly/3h85vIN): “Non si guarisce da una lunga malattia con poche bende. Le fondamenta sono gettate, la strada da percorrere è tracciata ma disseminata di insidie che Christophe Rabatel sarà sicuramente in grado di superare, una ad una.”

Leggi tutto “La Grande Distribuzione tra innovazione, voglia di crescere e vincoli culturali”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Marco Bentivogli ovvero la solitudine del calabrone

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Credo che aver individuato Roberto Benaglia come successore di Marco Bentivogli alla guida della FIM CISL sia una scelta importante e corretta. Conosco Roberto, ho fatto con lui un lungo pezzo di strada comune e ne ho sempre apprezzato la professionalità e l’impegno. So che affronterà questa sfida con lo spirito di servizio che lo ha sempre contraddistinto. 

Così come ho sempre avuto un grande rispetto per i sindacalisti come Marco Bentivogli. Appartiene a quella specie di  personaggi rari e fuori dagli schemi tradizionali che compaiono ciclicamente nella storia della CISL. In genere hanno un carattere particolare. Vivono l’esperienza sindacale in modo totalizzante, anticipatrice, maniacale.

Marco, poi, è cresciuto letteralmente a “pane e sindacato” essendo figlio di un altro grande sindacalista. Stessa dedizione e impegno,  pur con un altro carattere, come Franco Bentivogli. Sono leader solitari che nascono in quella “fungaia” di talento e passione che, nonostante tutte le critiche possibili, resta comunque la CISL.

Pur afflitta da tutti i mali sempre presenti e in agguato dove operano anche perniciose burocrazie autoreferenziali, spesso troppo chiuse in sé stesse, la CISL (e le sue pur diverse articolazioni)  resta una grande scuola di vita e di impegno sociale per molte persone. Difficile non riconoscerglielo.

Leggi tutto “Marco Bentivogli ovvero la solitudine del calabrone”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Contratti nazionali e terziario. Siamo alla fine di un ciclo?

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

La sensazione è che un importante ciclo storico si stia chiudendo. La contrattazione nazionale è in crisi dappertutto. Otto lavoratori su dieci sono in attesa di un rinnovo che difficilmente porterà innovazioni e risposte concrete.

Non è solo un problema che riguarda le categorie industriali. Anche la leadership di Confcommercio (peraltro titolare dell’unico CCNL confederale) e delle sue federazioni sulla contrattazione nazionale di categoria del terziario sta progressivamente venendo meno.  È una crisi di rappresentatività ma anche di proposta e di contenuti.

La stagione, ormai alle porte, dirà se siamo di fronte ad un battuta di arresto che il covid-19 ha semplicemente aggravato o, viceversa, siamo di fronte ad  un problema di crisi di strategia e di difficoltà a presidiare un comparto stretto tra la perdita di visione dello strumento,  la concorrenza di altre sigle e la “minaccia” del salario minimo.

Per il commercio e il terziario è una crisi che viene da lontano. Innanzitutto la proliferazione nel comparto dei cosiddetti “contratti pirata” ha eroso, in parte,  l’autorevolezza del CCNL firmato da Confcommercio. Poi lo strappo di Federdistribuzione concluso con la firma di un proprio  CCNL nel 2018 che ha spinto Confesercenti e Cooperative a giocare le loro partite in dumping. “Pagare meno per pagare tutti” è stato lo slogan che ha costretto tutte e tre le sigle sindacali  Confederali a rinegoziare sostanzialmente in  pejus, contenuti e tranche per tentare di riallineare i contratti firmati, spingendoli così, per oggettiva debolezza, a subire l’iniziativa ribassista del frastagliato fronte datoriale. Leggi tutto “Contratti nazionali e terziario. Siamo alla fine di un ciclo?”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Il lavoro che verrà. Il ruolo delle parti sociali

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Molti osservatori ed esperti si interrogano sul lavoro che verrà. I suoi luoghi, i suoi tempi, il suo valore per gli individui. Come valutarlo, come aggiornare le competenze delle persone, come retribuirlo. Sulle alte professionalità e sul piano individuale sono stati fatti molti passi in avanti. La distanza tra queste situazioni e i contratti nazionali sono però ormai  siderali. Irrecuperabili a quel livello.

Le direzioni risorse umane nelle aziende più performanti coprono le esigenze specifiche da molti anni. Il contratto nazionale di categoria  o quello aziendale (dove c’è) ne rappresentano a mala pena  la cornice di riferimento. I capitoli fondamentali sono generalmente datati, superati o bypassati dalla gestione ordinaria delle imprese. Resta solo il welfare contrattuale che però, per sua natura, necessita adesioni sempre più significative fuori dalla portata delle singole categorie.

Nelle piccole e piccolissime imprese il CCNL è spesso utilizzato solo per i minimi contrattuali e quindi la concorrenza con il salario minimo rischia di aprire scenari nuovi di complessivo indebolimento del sistema.

I segnali di insofferenza da parte delle imprese nei confronti di una  contrattazione che produce solo costi certi e nessun cambiamento significativo sul versante della produttività sono sempre più evidenti. Sul versante dei lavoratori i rinnovi dei CCNL non provocano né entusiasmo né grandi mobilitazioni da molto tempo. Si rinnovano generalmente in ritardo e più per convenzione che per convinzione. Leggi tutto “Il lavoro che verrà. Il ruolo delle parti sociali”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Distribuzione moderna. In arrivo nuovi protagonisti?

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Il lockdown non fermerà certo i progetti di espansione dei grandi player della distribuzione mondiale. Anzi. Negli USA molte piccole e grandi catene distributive (e non solo) stanno barcollando rimettendo sul mercato migliaia di punti vendita vuoti. Questo provocherà ulteriori cambiamenti, acquisizioni e concentrazioni.

Anche da noi l’importante operazione Conad/Auchan ha probabilmente dato il via a nuovi scenari e non resterà un caso isolato. È l’unica mossa a disposizione della GDO italiana. Concentrarsi per crescere e competere.  Non solo a livello nazionale. L’arrivo di nuovi player multinazionali sul nostro mercato è quindi assolutamente prevedibile. 

Cosa possiamo aspettarci nel medio periodo?

Tra le aziende più dinamiche e credo interessate al mercato italiano ne terrei sotto osservazione tre in particolare:  Ahold Delhaize, Suning e, evidentemente, Amazon pur con strategie diverse.

La multinazionale belga sta crescendo molto bene. Ha i fondamentali a posto. Chiude il primo trimestre 2020 con un giro d’affari a 18,2 miliardi di euro, in crescita del 12,7% in termini reali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente e un margine operativo lordo a +20,6%. Due terzi del proprio giro d’affari sono negli USA dove ha segnato un +33,8%, mentre in Europa la crescita è stata del 15,9%. Per quanto riguarda il Belgio, si registra un +11%, con aspettative molto positive per la restante parte dell’anno.Le vendite on line, dal canto loro, esplodono: +37,7% a 1,35 miliardi di euro a livello globale, di cui 1,02 miliardi in Europa, grazie anche alla performance della piattaforma bol.com. (dati Echo BE). Credo sia estremamente interessata al mercato italiano. 

Anche il colosso del retail cinese Suning è pronto ad ulteriori mosse. L’acquisizione nel 2019 all’80% delle società facenti capo a Carrefour in Cina per 700 milioni di dollari accelera la sua espansione. Carrefour, infatti, può contare in Cina circa 30 milioni di utenti registrati che saranno dunque avviati verso i servizi e i negozi di Suning che, a sua volta, userà i sei centri di distribuzione dell’operatore francese per rendere più efficiente il suo servizio di consegna. (Fonte ICE). Due elementi su cui riflettere. L’acquisto nel giugno 2016 dell’Inter attraverso Suning Holdings Group e la recente alleanza con Jack Ma (Alibaba). Leggi tutto “Distribuzione moderna. In arrivo nuovi protagonisti?”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

La grande distribuzione dopo il lockdown. Declina o rilancia sull’innovazione?

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

È vero che Alessandro Manzoni nella sua opera “Del romanzo storico e, in genere, de i componimenti misti di storia e d’invenzione” ci ricorda che “Non tutto ciò che viene dopo è progresso” però una riflessione sullo stato dell’innovazione tecnologica e di servizio nella GDO sarebbe  necessaria.

L’etichetta di “moderna” applicata alla distribuzione ne ha caratterizzato la seconda metà del 900. Oggi quell’aggettivo sembra un po’ arrugginito. Ne ha  rappresentata la peculiarità e la differenza rispetto a quella più tradizionale identificata con i più piccoli, soprattutto singoli negozi destinati, per i più, ad un inevitabile declino.

Verso la fine del secolo scorso si era  determinato un salto di qualità importante in questo mondo che ha  sempre  corso il rischio di limitarsi ad osservare il proprio ombelico. È infatti dal 1995 (quasi un’era geologica) che i vari  Amazon, eBay e compagnia hanno fatto la loro comparsa sul mercato, segnando di fatto la nascita dell’e-commerce.

Da quel momento il contesto innovativo esterno ha cominciato ad accelerare molto più delle insegne della GDO che nel frattempo si sono limitate a consolidarsi sul territorio nazionale, contenere i costi per non sacrificare i margini,  differenziandosi nei formati e nelle insegne accettando  così, di fatto, l’idea che l’etichetta di “distribuzione moderna” fosse di nuovo contendibile indipendentemente dalla dimensione delle imprese e dal comparto di provenienza e lasciando l’innovazione tecnologica e organizzativa del settore come materie da affrontare solo nei convegni. Leggi tutto “La grande distribuzione dopo il lockdown. Declina o rilancia sull’innovazione?”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn