Conad/Auchan. Dal MISE un passo in avanti

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Non era difficile prevedere l’esito dell’incontro al MISE. Qui trovate l’ottimo resoconto con utili riflessioni di Emanuele Scarci (http://bit.ly/31NQrcv). Non c’è stata alcuna reticenza da parte di Conad. Qualsiasi richiesta di piano industriale tradizionale sarebbe stata inutile.

L’azienda italiana aveva già presentato i suoi risultati pochi giorni fa. Numeri che non lasciano spazio ad equivoci. Il suo modello imprenditoriale si è dimostrato il più adatto per il mercato italiano.  Conad ha chiuso il 2018 con un fatturato di 13,5 miliardi di euro, 500 milioni in più rispetto al 2017, un quota di mercato del 12,9% e 56.000 addetti, con un più 3.243 occupati. In 10 anni è cresciuta del 65%.

Leggi tutto “Conad/Auchan. Dal MISE un passo in avanti”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

La clava del salario minimo

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

La proposta è suadente. Come tutti gli ami mediatici lanciati dai 5s. L’Italia deve avere un salario minimo garantito come tutti i principali Paesi europei. Fissato furbescamente a 9 euro per farlo assomigliare a quello in vigore in altri Paesi, ha lo stesso effetto del reddito di cittadinanza sugli allocchi disposti a crederci. Purtroppo ha anche un effetto sui costi dello Stato e delle imprese. E ultimo ma non ultimo sul sistema delle relazioni industriali e sul ruolo della rappresentanza. 

E’ talmente suadente che miete vittime ovunque, anche a sinistra. E, la replica, ad uno slogan semplice e diretto non è mai facile. Pensiamo a tutti coloro i quali questo messaggio suona come un riscatto, una punizione all’ingordigia delle imprese e alla inefficace iniziativa sindacale in materia.
Agli equivoci che crea e agli effetti collaterali che rischia di generare.

La polpetta avvelenata viene servita con una certa cautela perché si tende a presentare questa “novità” come integrativa delle attuali tutele economiche previste dai contratti nazionali. Smontarla non è facile. I media e l’opinione pubblica arrancano quando entra in campo il criptico linguaggio sindacalese.

Per comprenderne l’effetto pratico occorre mettere in fila i problemi. Innanzitutto l’attuale sistema contrattuale tutela il salario per circa l’80% dei lavoratori dipendenti. Non solo il salario minimo ma l’insieme dei minimi salariali per tutti. Dall’addetto alle pulizie al manager. Nessun altro Paese europeo arriva a questi livelli di  copertura. Basterebbe estenderla a tutti i lavoratori dipendenti nei diversi settori per risolvere il problema. Leggi tutto “La clava del salario minimo”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Una Confederazione non è una caserma..

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Sono gli inquisitori a creare gli eretici. 

Umberto Eco

Innanzitutto volevo ringraziare i numerosi lettori del blog. Mi chiedono di insistere perché condividono le problematiche poste. Soprattutto mi riconoscono una chiarezza espositiva.  Alcuni mi imputano una particolare ruvidezza un pò fuori dalla liturgia dei corridoi confederali. Ricordo a tutti che è solo un mio personale punto di osservazione. Niente di più. Mi sento semplicemente ataràttico. Quindi rifletto.

Se venissi incaricato di scrivere le biografie degli ultimi due leader della Confcommercio non avrei dubbi. Sergio Billé, che non ho conosciuto, lo ricorderei per i milioni di euro della Confederazione dissipati e per le brutte compagnie. Carlo Sangalli, per aver sostenuto, in tempi non sospetti, l’Expo di Milano e per l’intuizione alla base di Rete Imprese Italia. Due goal da bacheca. Rispetto al suo predecessore rappresenterebbe indubbiamente un notevole passo in avanti.

Leggi tutto “Una Confederazione non è una caserma..”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Cultura del lavoro da riscrivere nel terziario italiano. ..

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

 

In un recente confronto su Twitter  in cui lamentavo la latitanza di Confcommercio sul tema del lavoro, pur essendo titolare del più importante contratto nazionale, mi ha fatto riflettere la risposta di Francesco Rivolta, ex Direttore  Generale: “Il vero problema è che Confcommercio non si è mai posta il tema del lavoro come questione centrale del suo essere organizzazione di rappresentanza. Il contratto è visto solo come strumento che può incanalare sul sistema e nel sistema benefici economici”.

Un’affermazione forte che rischia però di fotografare una realtà più di mille analisi sociologiche sui ritardi culturali, sull’interpretazione dei bisogni reali delle imprese, sull’evoluzione dei mestieri e del lavoro nei differenti comparti del terziario di mercato. Tutte le indagini commissionate dalla Confederazione individuano nella titolarità del contratto nazionale e dei suoi risvolti applicativi una delle ragioni principali dell’adesione associativa.

Leggi tutto “Cultura del lavoro da riscrivere nel terziario italiano. ..”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Corpi intermedi. Contratti nazionali omnibus o nuove sfide di filiera?

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Da sempre il contratto nazionale firmato da Confcommercio è definibile come una sorta di contratto “omnibus”. Ha altresì prodotto decine di imitazioni in dumping tra di loro. I cosiddetti contratti pirata..

Ad un certo punto ha assunto, forse un po’ pretenziosamente, la denominazione “del terziario” proprio per i suoi possibili sconfinamenti applicativi. È arrivato prima di altri, ci ha creduto ed ha così potuto presidiare un territorio sconosciuto: il terziario di mercato.  Lo può utilizzare chiunque.

Applicato per la sua duttilità  (e il suo basso costo) anche fuori dai confini del comparti di pertinenza stretta ha una caratteristica unica nel panorama della contrattazione. C’è chi lo rispetta nel suo insieme, chi oltre all’applicazione integrale aggiunge una sua contrattazione aziendale e chi utilizza  solo i minimi previsti. Nelle piccole e piccolissime aziende è, di fatto, così. Una salario minimo ante litteram.

Questa flessibilità applicativa è sempre stata la sua forza e ne ha garantito la sua estensione nel tempo. E importanti vantaggi economici per i suoi firmatari. Contemporaneamente garantisce ai lavoratori un interessante  welfare contrattuale. Tutto bene quindi? No. C’è il rischio concreto che questo modello sia arrivato al capolinea.

Leggi tutto “Corpi intermedi. Contratti nazionali omnibus o nuove sfide di filiera?”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Corpi intermedi. Verso nuovi modelli di rappresentanza?

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

“Follia è fare sempre la stessa cosa  aspettandosi risultati diversi.” 

Albert Einstein

L’accordo tra Confindustria e Confimprese (http://bit.ly/2WJlZl8) credo vada nella direzione giusta. È un primo passo che dimostra che c’è chi guarda avanti e chi si attarda nella contemplazione  e nella riproposizione del proprio passato.

Dietro quell’intesa ci potrebbe essere un primo tassello importante del futuro della rappresentanza. Non sarà un percorso lineare per gli interessi, a volte divergenti, che lì convergono, ma la consapevolezza che il sistema Paese deve trovare nuove sintesi nelle filiere per continuare a crescere è evidente. Da quell’accordo possono nascere molte cose. Sia sul piano dell’interlocuzione istituzionale che su quello dei nuovi modelli contrattuali e del peso della rappresentanza.

Quel ruolo avrebbe potuto essere di Confcommercio o, almeno, l’avrebbe dovuta vedere protagonista. Così non è stato per l’evidente volontà di attardarsi su atteggiamenti e visioni passatiste. Confcommercio sembra proprio non comprendere la necessità di doversi  riposizionare in una società in evoluzione cercando di interpretare sempre più le esigenze di un terziario che si ibrida con altri settori e proponendosi così come un soggetto veramente inclusivo e non di mera difesa di un vecchio modello di rappresentanza.

Ha calamitato aziende e settori nuovi diventando in questo ultimo decennio una “grossa” organizzazione. Sotto la presidenza Sangalli non è però riuscita a diventare “grande”.  Troppa paura di spiccare il volo, di mettersi in discussione e affrontare il cambiamento. Così sta inevitabilmente creando le premesse del suo declino. Leggi tutto “Corpi intermedi. Verso nuovi modelli di rappresentanza?”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Magari mancassero solo buoni politici….

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

No. Gli imprenditori non sono tutti uguali. Così come i manager. Continuare a ragionare per categorie, condannando o assolvendo i protagonisti nel loro insieme non serve a molto. Soprattutto quando le conseguenze del loro agire producono conseguenze diverse. Vendere come hanno fatto moti imprenditori in questi anni  e fare i rentier è ben diverso che creare nuove imprese, assumersi dei rischi, affrontare a muso duro  i mercati. Ed è purtroppo indubbio che una parte dell’imprenditoria italiana del 900 si è dileguata sia nei passaggi generazionali che alle prime difficoltà che la globalizzazione segnalava all’orizzonte.

Molti mi hanno chiesto cosa ci trovo di così stimolante nell’operazione Auchan/Conad oppure rispetto alla volontà espressa dall’AD di UNES di tentare una nuova via all’internazionalizzazione con l’insegna “Viaggiator Goloso”. Cosa mi attrae e mi intriga.

Che vi devo dire? Mi piacciono i manager come Francesco Pugliese che sanno far sognare i loro imprenditori e imprenditori come Marco Brunelli che lasciano sognare i loro manager come Mario Gasbarrino. O come Giovanbattista Carosi di Mondo Convenienza che pensa a managerializzare la sua impresa e a proiettarla verso i mercati esteri.

Io mi occupo principalmente di Grande Distribuzione. Osservo un settore chiuso in un egoismo di insegna spesso concentrato sul breve, sul fatturato e sui costi, che ha colpito la maggior parte delle imprese del settore, anche le più performanti, mentre ammiro e invito a riflettere su quelle che inseguono sogni e lanciano il cuore  oltre l’ostacolo. Leggi tutto “Magari mancassero solo buoni politici….”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Conad/Auchan. Le reazioni della rete e le quattro sfide…

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Nell’epoca dei social era prevedibile che un vicenda come quella riguardante l’operazione Auchan/Conad coinvolgesse un dibattito in rete molto ampio. I tempi dei social, però, non sono quelli del business. E nemmeno quelli delle trattative sindacali.

Ai miei post registro migliaia di lettori. Soprattutto su LinkedIn. Timori e preoccupazioni travalicano i tradizionali strumenti di comunicazione delle parti e quindi il rischio di destabilizzazione è molto forte. Tanto più che la comunità coinvolta tra occupati e contesto raggiunge numeri ragguardevoli. Il problema è che in rete prevalgono le semplificazioni. E, come è noto, quando si semplifica un tema complesso, le conclusioni sono generalmente errate.

Da un lato c’è chi ha già capito come andrà a finire e quindi scrive delle corbellerie. Dall’altro chi pensa che Conad abbia già tutte risposte ma le tenga coperte per sua convenienza. In mezzo sottolineature o digressioni  su singoli aspetti della questione.

Il prezzo pagato (tanto per alcuni e poco per altri), la fine o il ridimensionamento della sede centrale, il tema delle sovrapposizioni, il ruolo degli ipermercati (dove alla competenza degli uomini di Auchan, oggi destabilizzati, si sommerebbe l’inesperienza di Conad), il tema degli affiliati, la “fuga dei cervelli” e, infine, il timore degli esuberi e quindi delle prospettive di lavoro. Leggi tutto “Conad/Auchan. Le reazioni della rete e le quattro sfide…”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Corpi intermedi. Confcommercio, la sua Assemblea generale e la salita del Mortirolo…

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

La recente conclusione del Giro d’Italia mi ha fatto venire in mente, mentre ascoltavo Carlo  Sangalli in streaming, la fatica, il sudore e la tensione mentre i ciclisti arrancano sulla  salita del Mortirolo. Gioia e delizia per gli aspiranti scalatori, quella salita, ne segnala plasticamente i limiti fisici e motivazionali.

L’assemblea generale della Confederazione, d’altra parte,  è una grande messa annuale che raduna l’elite del popolo di Confcommercio. In diretta o in streaming non ne ho persa una, almeno negli ultimi dieci anni. La partecipazione è sempre numerosa, attenta, le persone sono orgogliose di essere lì. L’organizzazione è un po’  “spintanea” ma chi viene si sente importante, trait d’union tra i sempre irrisolti problemi quotidiani e la politica che conta. I selfie con i politici che vanno per la maggiore  si sprecano.

Con gli altri, no. Al massimo una battuta  al bar dell’auditorium o nella sala VIP dove qualcuno cerca di intrufolarsi sotto lo sguardo distratto degli uomini e delle donne di piazza Belli. Sergio Mattarella, dovendo scegliere,  ha scelto l’assemblea di Confindustria quindi qui ha mandato un suo messaggio. Sempre gradito, ovviamente. Il Presidente del Consiglio era impegnato dall’altra parte del mondo, Matteo Salvini era altrove.  Il Presidente del Senato è rimasto giusto il tempo della relazione per successivi  impegni di lavoro.

C’era però Luigi Di Maio. Ha concluso anche lui con un intervento asciutto, di circostanza, prendendosi qualche applauso sull’IVA ma si capiva che non si sentiva a suo agio. E’ stata la conclusione di una fredda giornata iniziata con una relazione che ho ascoltato con grande attenzione letta dal Presidente in modo altrettanto freddo. Leggi tutto “Corpi intermedi. Confcommercio, la sua Assemblea generale e la salita del Mortirolo…”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Auchan/Carrefour/Conad. Culture imprenditoriali e manageriali al bivio..

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Auchan si è sempre considerata un’altra cosa. Durante il rinnovo del penultimo CCNL dei dirigenti del terziario  il loro rappresentante ha preteso dal sottoscritto, allora capo delegazione,  di mantenere la loro esclusione dagli istituti della bilateralità già ottenuta nei rinnovi precedenti. Anche Esselunga e altre aziende della GDO erano schierate su quella posizione ma senza arroganza.

Nella Grande Distribuzione  (che continua tutt’ora ad applicare il CCNL dei dirigenti del terziario firmato  da Confcommercio) c’è sempre stata un’avversione alla bilateralità in generale. Una impostazione culturale e politica che ha sempre considerato il sindacato (compreso quello dei dirigenti) un interlocutore negativo o non necessario. E, la bilateralità stessa, un orpello inutile e costoso.

Ricordo l’espressione radiosa del rappresentante di Auchan. Escludere i propri dirigenti dal  diritto soggettivo alla formazione e da parte del welfare contrattuale era, per quell’azienda, un grande successo. Già lì si poteva capire il livello culturale e valoriale di quel Gruppo che pretendeva di affrontare le dinamiche di un Paese con la mentalità di un’azienda. Seppure di grande dimensione. La convinzione della loro autosufficienza spinta all’eccesso.

L’idea che la vita professionale dei propri manager fosse destinata a restare dentro un perimetro definito in modo tale da far loro considerare quel perimetro, il mondo.  E non già uno dei mondi possibili. Convinsi Manageritalia ad accettare quella forzatura appellandomi al loro buonsenso. Meglio firmare il CCNL che discutere all’infinito di un problema culturale irrisolvibile.. Leggi tutto “Auchan/Carrefour/Conad. Culture imprenditoriali e manageriali al bivio..”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn