Carrefour/Couche-Tard. Perché il negoziato si è arenato. E perché deve riaprirsi

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

L’acquisizione di Carrefour da parte di Couche-Tard per il momento è congelata. Non certo chiusa. Le due società hanno rilasciato una dichiarazione congiunta dove non si dichiara, come era prevedibile, la conclusione dei colloqui ma si annunciano una serie di partnership operative. Un modo come un altro per guadagnare tempo.

Una cosa è chiara. Tutti sapevano benissimo, fin da subito, che acquisire il più importante datore di lavoro di Francia che presidia il 20% del mercato della distribuzione alimentare e ad un anno dalle elezioni presidenziali non sarebbe stata una passeggiata. Un’operazione facile da strumentalizzare che sarebbe stata vissuta negativamente dai francesi nonostante la congruità dell’offerta canadese.

Ma cosa è successo in realtà?

Scorrendo le notizie sui media francesi e confrontandole con quello che propongono i blogger con i quali ci scambiamo  spesso informazioni  sul comparto, tutto sembra essere iniziato prima dello scorso novembre.  Il gruppo del Quebèc dopo aver spedito emissari in visita nei PDV su tutto il territorio francese ha individuato una presenza eccessiva di grandi insegne  nella GDO. A parte Leclerc, Intermarché e Système U che hanno risultati soddisfacenti  l’attenzione si è concentrata sulle tre insegne in maggiori difficoltà: Carrefour, Auchan, Casino. I primi due alle prese con importanti piani di ristrutturazione, la terza per i suoi debiti. Carrefour è stata la scelta naturale anche perché i suoi due principali azionisti è da tempo che vorrebbero cedere le loro quote.

Un contatto verso fine anno con il CEO Alexandre Bompard e una lettera formale di interesse hanno dato il via all’operazione. Pochi giorni dopo  Alain Bouchard, Presidente e AD di Couche-Tard ha incontrato il management di Carrefour.

Leggi tutto “Carrefour/Couche-Tard. Perché il negoziato si è arenato. E perché deve riaprirsi”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Carrefour/Couche-Tard. La strategia di un’impresa tra sfide globali e interessi locali

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Poco dopo l’annuncio dell’offerta di acquisto per Carrefour da parte del gruppo canadese Couche-Tard per un valore stimato in 16 miliardi di euro il ministro dell’economia francese ha sentenziato”Non sono favorevole a questa operazione” provocando un pesante scivolone in borsa che ha danneggiato l’azienda.

In Francia il famoso antico proverbio che in Italia suona “Moglie e buoi dei paesi tuoi” si declina in: “Prend ta femme dans ton village et les boeufs dans le voisinage” quindi, sulla carta,  poco spazio agli intrusi o agli spasimanti anche se provenienti dai territori francofoni del Quebèc. Questi ultimi lo avranno certamente messo in conto. Da loro, lo stesso proverbio è leggermente diverso nella forma. Non nel significato: “Marie-toi devant ta porte avec quelqu’un de ta sorte” (sposati davanti alla tua porta con qualcuno della tua specie).

Nonostante l’accordo commerciale di libero scambio tra l’Unione Europea e il Canada firmato nel 2016 la partita sembra veramente complessa. Quando si tratta di comprare aziende in Francia mogli e buoi (e proprietà delle imprese) devono essere in  casa. Avere la stessa lingua non è una caratteristica sufficiente per i francesi.

Non credo che i principali azionisti di Carrefour siano dello stesso parere pur non sottovalutando che stiamo parlando del maggiore datore di lavoro del Paese e dei complessi interessi dell’intera filiera agroalimentare nazionale.

Leggi tutto “Carrefour/Couche-Tard. La strategia di un’impresa tra sfide globali e interessi locali”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Cortilia la food-tech company italiana si tinge di Rosso…

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

L’entrata di Renzo Rosso in Cortilia attraverso la Red Circle Investiments è una notizia importante. È un segnale di discontinuità. La food-tech company fondata nel 2012 da Marco Porcaro potrà continuare la sua crescita anche grazie ai 34 milioni di investimento decisi dai soci preesistenti (oltre al fondatore, i fondi Indaco Ventures, il fondo Five Seasons Ventures, il fondo Primomiglio e P101 SGR) insieme alla new entry.

Cortilia è presente in Lombardia, Piemonte e Emilia Romagna e ha però un grande potenziale di crescita. Per ora ancora sulla carta. Nel 2020 ha avuto, grazie anche al lockdown, un balzo importante del proprio fatturato da dodici a trentaquattro milioni di euro. 

Marco Porcaro, il suo CEO, ha dichiarato al Sole 24 ore «Nelle prime settimane dell’emergenza sanitaria ci siamo trovati a gestire un picco di domanda cinque volte superiore alla nostra capacità logistica». Ha inoltre spiegato che la loro crescita è legata non solo al particolare contesto ma anche ad un’offerta particolare attenta alla qualità, all’artigianalità, alla filiera corta e alla sostenibilità dei prodotti proposti per la quale una fascia di consumatori è certamente disposta a spendere di più pur di avere una spesa di qualità.

Questa operazione però mi suggerisce alcune riflessioni.

L’ingresso nel CDA del, fondatore del marchio Diesel e presidente del gruppo di moda OTB, è un’entrata che fa rumore. Renzo Rosso ha dichiarato: “L’anno appena passato ha ricordato l’importanza della salute e del benessere, e come la tecnologia possa cambiare la nostra vita, nel caso di Cortilia, ad esempio, connettendo la filiera contadino-consumatore in maniera digitale. Questa partecipazione è la naturale evoluzione del nostro interesse e impegno in questo settore: Cortilia sposa il concetto di cibo di qualità sostenibile con l’innovazione digitale, due pilastri della mia visione del futuro…. In Cortilia conto di portare il mio know-how in diversi settori e attività, e una visione sempre nuova e inaspettata di vedere le cose”. Una visione del futuro certamente chiara. Leggi tutto “Cortilia la food-tech company italiana si tinge di Rosso…”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Le forze sociali preferiscono marciare divise. Strategia o destino?

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Dario di Vico si è posto alcuni giorni fa una domanda, a mio parere centrale ma che rischia di restare, purtroppo, senza risposta. “Il piano vaccini con molte incognite, una crisi di governo strisciante, un Recovery Plan poco incisivo. Cosa aspettano le forze sociali (tutte assieme) a far sentire la loro voce (in chiave “construens”)?

Da lettore attento cerco di capire.

Cosa impedisce alle forze sociali di trovare un punto di incontro che le rilancerebbe sia sul piano dell’immagine, oggi appannata, che su quello della centralità nel contribuire alla costruzione di un futuro possibile per il Paese?

Una facile scorciatoia sta nel concludere che ci  siano problemi di qualità dei gruppi dirigenti. Gli osservatori, spesso i più anziani, sono portati a pensare che il paragone con il passato sia impietoso nei confronti dei contemporanei. Personalmente non credo sia questo il punto. Se potessimo ingaggiare i migliori del passato li consegneremmo ad una pessima figura nel presente. Ogni stagione ha i suoi frutti. E le rispettive classi dirigenti sono frutti di stagioni precise. E poi del passato si tende a ricordare solo ciò che fa più comodo. Quindi occorre cercare altre motivazioni. Ma qual’ è lo stato dell’arte?

È fuori dubbio che l’elezione di Carlo Bonomi alla presidenza di Confindustria ha segnato una importante discontinuità per l’associazione. Nasce dal basso, interpreta un desiderio di protagonismo e di cambiamento diverso dal passato. Bonomi credo abbia capito che l’autorevolezza e la capacità di fare lobby nel nuovo secolo non si eredita né viene concessa per grazia ricevuta. Si conquista ogni giorno se si ha qualcosa da dire e da dare e si conferma  se incide sulla realtà producendo sintesi tra gli interessi di categoria e quelli del Paese. Leggi tutto “Le forze sociali preferiscono marciare divise. Strategia o destino?”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Grande distribuzione. Il 2021 tra certezze, visioni e profezie….

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Chiudo il 2020 con un punto interrogativo che credo si pongano molti. Scomparirà finalmente il Covid nel 2021? E quanto questa situazione  inciderà modificando definitivamente  le nostre abitudini? Nessuno può ancora dirlo. E le strategie delle imprese della GDO, decise ben  prima  e in un contesto completamente diverso, hanno ancora senso o devono essere ricalibrate in tutto o in parte?

Per quelle più grandi o sensibili al contesto socioeconomico il lockdown ha, a mio parere,  insegnato molto. Ha indicato alcune nuove traiettorie possibili in un comparto che è cresciuto continuando sostanzialmente a copiare sé stesso dentro o fuori i confini nazionali da quel lontano 1957 quando Esselunga aprì i battenti in via Regina Giovanna a Milano.

La GDO oggi  è a un bivio. Condivido Brittain Ladd che l’ha paragonata alle grandi sale cinematografiche americane. La prima, negli USA, ha aperto il 19 giugno 1905 a Pittsburgh e, per oltre 100 anni, quel settore ha  fatto molto poco per cambiare l’esperienza del cliente. Audio e immagini sono sicuramente migliorate, le poltrone sono diventate più comode, i locali più accoglienti e sofisticati.  Invece di sviluppare un modello, ad esempio, per la consegna di film ai clienti, le catene più importanti hanno solo cercato di migliorare ciò che sapevano già fare.

Non hanno pensato utile collaborare con i movie studios per trasferire i consumatori dalle sale cinematografiche allo streaming diretto dei film o elaborare modelli alternativi perché mantenere lo status quo era più facile.  Leggi tutto “Grande distribuzione. Il 2021 tra certezze, visioni e profezie….”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Grande Distribuzione 2020: una classifica davvero speciale…..

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Per molti è un 2020 da dimenticare. Non credo quindi che ne avremo nostalgia. Lascio però i bilanci di fine anno agli esperti. Ci penseranno i media nazionali a ripercorrere questo anno orribile ciascuno dal proprio punto di vista. Non tutti i settori economici hanno però vissuto le stesse problematiche e non tutto è stato negativo.

Nella Grande Distribuzione è proseguito il percorso di rafforzamento dei Discount, l’on line è cresciuto più del previsto e le diverse insegne hanno reagito bene. Ho deciso di proporre, per chi mi segue, una personalissima classifica del 2020 di dieci piccoli e grandi avvenimenti di peso e qualità assolutamente diversi tra di loro che, a mio parere, hanno provocato interesse particolare. Ovviamente ho scelto fatti  che  mi hanno colpito, rilanciato o trattato nei miei interventi sul blog durante il 2020. Non necessariamente ciò che è stato più importante in assoluto. 

10 posto –  Amazon. Il convitato di pietra della GDO. Un premio speciale alla country manager per essersi intrattenuta cordialmente per un paio d’ore con Matteo Salvini, il politico meno disponibile nei loro confronti e per tenere sulla corda gli operatori della GDO spingendoli continuamente a mettersi in discussione. La segnalo inoltre per la scelta della pubblicità con al centro i suoi lavoratori. Alla faccia delle teorie dei  selezionatori classici che scartano sempre quelli che a prima vista appaiono come  i più problematici: i più anziani, i diversi, le donne che vogliono rientrare al lavoro. Caratteristica privilegiata  una sola: aver voglia di lavorare. Semplice ed efficace.

9 posto – Eurospin per l’anguria “regalata” a ferragosto a pari merito con Iper la grande I per il panettone Melegatti a 0,99 di novembre  e  l’ananas a un centesimo della antivigilia Natale. Anche qui senza conseguenze particolari come dichiarato dalla Del Monte. Probabilmente ne aveva comprato troppi in Sudamerica visti i tempi. Non sono un commerciale quindi non mi appassiona il dibattito puntuto degli esperti. Mi limito a non accodarmi alle critiche strumentali. Mi appassionano però  i duelli tra colleghi commerciali che fortunatamente durano più o meno il tempo delle promozioni proposte. Registro che nel comparto si confrontano da anni più scuole sulle promozioni e che le strategie per chiudere l’anno con numeri accettabili divergono da azienda ad azienda. La GDO però resta l’unico settore produttivo in Italia dove c’è chi fa company reputation attaccando le scelte dei concorrenti anziché differenziarsi limitandosi a parlare delle proprie. Non lo trovo particolarmente corretto. Soprattutto quando  politiche commerciali, promozioni e sottocosti, politiche del personale, scelte organizzative (se attuati nel rispetto della legge e dei contratti)  sono aspetti fondamentali  della libertà di un’impresa difficili da omologare o standardizzare.   Leggi tutto “Grande Distribuzione 2020: una classifica davvero speciale…..”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Contratto metalmeccanici. Il senso di un rinnovo non formale

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Mettere come ha fatto Federmeccanica, al centro del rinnovo del CCNL dei metalmeccanici un nuovo approccio sull’inquadramento è un segnale importante ma contemporaneamente un azzardo anche  perché la classificazione dei lavoratori pur essendo puntualmente richiamata ad ogni rinnovo non è più materia di negoziazione sindacale da molti anni. Raggiunto l’inquadramento unico il sindacato ha spinto verso l’alto fino a quando ha potuto le negoziazioni nelle aziende ma a un certo punto si è dovuto fermare perché il sistema ha trovato un suo equilibrio oggettivo.

Va però sottolineato che quella è stata anche  la stagione migliore per la contrattazione aziendale perché ha coinciso con la capacità del sindacato di fare sintesi tra le esigenze collettive e quelle individuali contendendo almeno in parte alle imprese l’esclusivo diritto di scelta. Una stagione nella quale, per il sindacato, il livello di inquadramento aveva a che fare con la mansione assegnata, la prevalenza del tempo collegato ad essa, la similitudine con altri colleghi. Al contrario per l’azienda che puntava alla qualità della prestazione individuale pur a parità di mansione per fare la differenza. Soprattutto nella parte più alta dell’inquadramento.

Leggi tutto “Contratto metalmeccanici. Il senso di un rinnovo non formale”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Conad/Auchan finalmente ai titoli di coda.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

I risultati parlano da soli. Conad nella sua conferenza stampa di fine anno si conferma la prima della classe. Ottimismo verso il futuro, determinazione del suo gruppo dirigente e dati oggettivi che dimostrano i buoni risultati raggiunti. Ottima la sintesi di Francesco Pugliese: “Siamo soddisfatti dei nostri risultati, ma non felici. Non si può star bene come individui in un contesto che non sta bene.”

Leggeremo nei prossimi giorni approfondimenti più autorevoli del mio sulla qualità del business Conad, gli investimenti sui diversi canali e formati distributivi. Dal mio punto di vista  mi hanno solleticato quattro questioni messe sul tavolo affatto secondarie.

L’accordo con Deliveroo e lo sviluppo di una piattaforma che va ben oltre la consegna a domicilio, l’ipotesi che Todis salga verso la linea gotica o ancora più su per competere interpretando un modello di discount diverso dagli altri, la solidarietà, praticata e non decantata, nei territori dove il Covid ha colpito duro e, ultimo ma non ultimo, l’affermazione che le concentrazioni necessarie per competere nella GDO saranno ancora protagoniste del futuro. E da quello che mi è parso di intuire, Conad giocherà le sue carte per continuare a crescere forte anche  dell’esperienza accumulata nell’operazione Auchan. Leggi tutto “Conad/Auchan finalmente ai titoli di coda.”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

CCNL metalmeccanici. Un passo indietro per farne due in avanti…

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Trentaquattro pagine sono la corposa risposta di Federmeccanica (https://bit.ly/36bQX8D). alla piattaforma contrattuale  dei metalmeccanici presentata undici mesi fa da FIM Cisl, FIOM Cgil, e UILM Uil (https://bit.ly/37bdmSQ) .  “Una buona base di discussione” come l’ha definita Roberto Benaglia segretario generale della FIM CISL. Leggendola mi sono fatto l’idea che per apprezzarne lo sforzo e i contenuti occorra fare un passo indietro e ripartire dalle condizioni di cambiamento  che aveva innescato il rinnovo precedente.

Non partirei quindi dalla piattaforma presentata dai sindacati. La parola chiave, allora era “rinnovamento” del contratto al posto del più tradizionale  “rinnovo” del contratto.  Non era un semplice  slogan. Le parole sono importanti se e quando indicano una strada da percorrere.

Anche oggi  il rinnovo si gioca, sempre nelle intenzioni dell’associazione datoriale, su di un passaggio chiave.  Da rinnovo del contratto “di” lavoro a rinnovo di contratto  “per” il lavoro. E anche questa volta non è la stessa cosa.  Innanzitutto c’è la volontà di investire sullo strumento. Quindi di sottolinearne il potenziale rinnovandone lo scopo. “Per” il lavoro significa progettare, si spera insieme, uno strumento nuovo nel quale trovi spazio la qualità del lavoro e il suo riconoscimento anche sul piano individuale a partire da una proposta di alto profilo sull’inquadramento (che prevede  una  valorizzazione della professionalità e delle competenze e supera il concetto di mansione che ha retto per oltre 40 anni), la produttività e la sua distribuzione, la tutela del reddito e il welfare contrattuale. E quel “per” innesca inoltre seppur in  differita nei tempi,  anche la contrattazione aziendale.

Qualcosa non ha funzionato nella fase della gestione e i tempi di implementazione della parte più qualitativa del vecchio contratto hanno subìto un evidente rallentamento. Un “rinnovamento” che ha faticato quindi ad affermarsi sia nelle imprese che nel sindacato. La ragione è che quella firma, per certi versi storica,  anticipava e non seguiva il contesto. Intuiva che occorresse predisporre la strumentazione. Leggi tutto “CCNL metalmeccanici. Un passo indietro per farne due in avanti…”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Amazon ha voglia di fresco….

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn

Se sarà confermata credo sia una notizia positiva e importante. Amazon starebbe per lanciare Amazon Fresh in Italia (https://bit.ly/2UPSz1c). Negli USA le strade preferite dalla multinazionale di Jeff Bezos hanno comportato sia acquisizioni di aziende già strutturate (vedi Whole Foods) sia acquisizioni di ex centri commerciali dismessi vicino alle città da trasformare in centri logistici estremamente performanti.

Prima del 2017 la maggior parte degli analisti di vendita al dettaglio USA sosteneva che Amazon non sarebbe mai stato un attore importante nel fresco e nelle vendite al dettaglio. Oggi è leader nel settore alimentare per tecnologia e innovazione. Ovviamente non in quota di mercato. Amazon ha però aumentato la sua quota e continuerà a farlo attraverso la sua strategia on line e acquisendo società del comparto da affiancare a Amazon Fresh.

Fino ad oggi i due accordi sottoscritti con aziende della GDO italiana non hanno portato a nulla di stravolgente e condivido che questo possa essere uno dei motivi di riflessione sul “che fare?” del gigante di Seattle nel nostro Paese. L’altro credo sia l’accelerazione di un processo già in corso che il coronavirus ha solo moltiplicato ovunque. Leggi tutto “Amazon ha voglia di fresco….”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on LinkedIn